Fa le cose in grande, Aston Martin. La AMR21 è diventato un progetto di transizione, verso le opportunità che si avranno dal 2022, con la nuova fase regolamentare alla quale i reparti tecnici delle squadre stanno già lavorando. Ed è un fronte che Aston va a rafforzare notevolmente, strutturando le posizioni di vertice in un'organizzazione da grande team.

L'approdo di Luca Furbatto, nominato direttore dell'Ingegneria, descrive un ruolo cruciale, poiché sarà operativo sull'ingegneria in fabbrica, sui progetti che interesseranno aree critiche: dalla struttura all'affidabilità, fino al campo della ricerca e sviluppo.

Operare da grandi

Dotarsi di un'organizzazione dei ruoli da top team è la premessa per ambire a sfidarli, i top team. Così, Andrew Green - direttore tecnico dell'era Force India-Racing Point - diventa Capo dell'ufficio tecnico, metre Tom McCullogh, già responsabile dell'ingegneria in pista, è nominato direttore della Prestazione.

Resta da coprire il ruolo di direttore tecnico, una nomina che dal team dicono manchi solo l'annuncio. Sarà a capo delle questioni inerenti lo sviluppo dell'aerodinamica, la progettazione complessiva della monoposto e la strategia tecnica da seguire sul breve-medio periodo.

Green coordina l'Ufficio tecnico

"Sono lieto di delineare la nuova struttura - con l'incarico affidato a Andrew Green, in un importante e strategico ruolo tecnico -, che apporterà vera forza, in fondo, alle nostre operazioni tecniche. 

Con Tom abbiamo un ingegnere esperto e di talento, che continuerà a essere responsabile della prestazione in pista, così come le molte funzioni legate alla prestazione e svolte in fabbrica. È un forte leader che ha contribuito enormemente al successo del team negli ultimi 8 anni", commenta Otmar Szafnauer.

Furbatto alle operazioni in fabbrica

Strutture di Silverstone, dove Lawrence Stroll ha prodotto importanti investimenti per dotare la squadra di mezzi idonei a realizzare gli obiettivi Aston Martin, che vedranno Luca Furbatto dominus: "Con Luca Furbatto, ad aggiungere competenza alle operazioni in fabbrica, concentrato sulle aree di supporto tecnico, abbiamo ingaggiato un altro eccellente ingegnere con grandi competenze e capacità nella sua area di pertinenza. Entrambi (Furbatto e McCullogh; ndr) riporteranno a Andrew Green, così come l'imminente nuovo direttore tecnico che nomineremo. 

Tutti in Aston Martin puntiamo a vincere Gran Premi e campionato del mondo, questa nuova e migliorata struttura che abbiamo creato riflette quella delle squadre di maggior successo, oggi, in F1".