Prosegue la campagna acquisti Aston Martin, stavolta è Mark White a essere annunciato nel ruolo di direttore delle Operazioni. Sarà in carica dal prossimo 1 settembre, provenienza Honda.

Diversamente dagli ingaggi recenti, in arrivo da Red Bull Racing, White da 25 anni ricopre posizioni nel settore pianificazione, controllo produzione e qualità ma sul fronte della produzione automobilistica, Honda nell'impianto inglese di Swindon. Vicino al motorsport lo è stato per la responsabilità dell'attività sportiva Honda nel Regno Unito, controllata attraverso Synchro Motorsport.

L'inserimento di White nel dipartimento Produzione avviene con la nomina contestuale di Bob Halliwell a direttore generale del dipartimento, dalla posizione di direttore di Produzione. White sarà responsabile delle attività di Controllo produzione, controllo qualità e realizzazione.

L'importanza della produzione con il tetto alle spese

"Sono estremamente orgoglioso di unirmi alle donne e agli uomini di talento di Aston Martin dal prossimo settembre. Sono rimasto estremamente colpito dalla passione e dalle intenzioni del vertice, credo che il percorso che ci attende, compresa la costruzione della nuova fabbrica, permetterà al team di essere davvero competitivo negli anni a venire. Farò tutto il possibile per contribuire al percorso del team verso le posizioni di testa", sono state le parole di Mark White.

Un ingaggio sul quale Szafnauer, a.d. e team principal, ha aggiunto: "E' un arrivo cruciale e aggiunge competenze preziose alle nostre operazioni in fabbrica. L'esperienza di Mark dal mondo auto sarà particolarmente rilevante considerata l'entrata in vigore del tetto ai costi, che pone maggior enfasi sul contenimento delle spese sulla produzione. Continuerà nella nostra spinta a migliorare qualità ed efficienza nel processo produttivo e a rafforzare la squadra in tutte le aree, con un'altra figura d'esperienza".

Stroll, Aston da titolo in 5 anni

Un altro tassello nella costruzione di un team che sia in grado di lottare per vincere. Obiettivo, massimo, quello del titolo iridato, che Lawrence Stroll ha posizionato in un orizzonte di 4-5 anni. "Servono anni per mettere le persone giuste al posto giusto, avere gli strumenti adeguati, stiamo costruendo e investendo sul nostro team con l'ambizione di progredire anno dopo anno. L'obiettivo finale è vincere i campionati, non penso che realisticamente si possa programmare di vincere il titolo prima di 4-5 anni".