Un venerdì che ha lasciato un po' di amaro in bocca a Carlos Sainz, che partirà dalla nona casella nella prima Qualifica Sprint della storia. Servirà recuperare subito qualche posizione nei 17 giri di oggi, in modo da partire più avanti possibile nel GP Gran Bretagna.
 

Il weekend è solo all'inizio

Il vero cruccio dello spagnolo della Ferrari è stato quello di non riuscire a migliorare il proprio miglior crono dal Q2 al Q3, peggiorando nell'ultima fase di 159 millesimi. Con il tempo del Q2 lo spagnolo sarebbe partito in sesta posizione, motivo per cui non è contento della sua sessione: "Non sono del tutto soddisfatto del risultato di questa qualifica. Ero a mio agio in macchina, con un feeling e una confidenza crescente dall'inizio della sessione fino al termine del Q2, quando sono riuscito a passare il taglio con un buon tempo. Nell'ultimo tentativo in Q3 però ho faticato un po' di più, ho commesso un paio di piccoli errori qua e là che mi hanno impedito di ripetermi. Così ho perso quel paio di decimi che purtroppo oggi mi sono costati cari. È un peccato, perché avevamo un buon ritmo e in definitiva il potenziale c'era. Domani con la Sprint Qualifying abbiamo una buona opportunità per spingere. Ci concentreremo su quello. Il weekend è solo all'inizio, e daremo il massimo."
 

I tempi