Assegnare dei punti ai giri-farsa del GP del Belgio ha delle conseguenze. Nella lotta del mondiale Piloti certamente potrà averne ma anche nella corsa tra i Costruttori, soprattutto nelle retrovie. Piazzamenti che valgono milioni di euro in bonus pagati dalla FOM alle squadre, piazzamenti che prima di Spa vedevano la Williams davanti ad Alfa Romeo per 7 punti. 

Sterzi a parte: Dal Granpremietto al Granpremiaccio

Due squadre che la top ten, in gara, la agguantano raramente e in condizioni straordinarie, per cui distacchi ridotti hanno un peso specifico enorme nella loro difficoltà a essere azzerati.

Williams +10

Dopo Spa, dopo un paio di giri dietro Safety Car, Williams porta a casa ben 10 punti: il merito è di una straordinaria qualifica di George Russell, secondo, come anche dell'ottimo piazzamento in Q2 raggiunto da Latifi. Aggiungi l'errore di Perez, la penalizzazione di Bottas ed ecco che il buon Nicholas agguanta anche lui un punticino, frutto della nona posizione. Il colpo per Alfa Romeo è duro.

Masi e la ricerca della finestra meteo

No a quella 'gara'

E quanto faccia male, senza specifici riferimenti al vantaggio avuto dalla Williams, è con un comunicato che il team prova a rappresentare i fatti di domenica. 

(...) "La decisione di non gareggiare in quelle condizioni era corretta, nell'interesse della protezione della sicurezza dei piloti, dei commissari e degli spettatori. A ogni modo, la situazione si sarebbe potuta gestire in modo molto più appropriato senza disputare affatto la 'gara' alla quale abbiamo assistito ieri: questo risultato fa male a tutti noi, in particolare fa male ai tifosi, che non hanno avuto lo spettacolo per il quale erano arrivati. 

Leggi anche: Brown, regolamenti da rivedere dopo la farsa di Spa

Speriamo che siano state apprese delle lezioni ieri, lezioni che miglioreranno il modo in cui opereremo in futuro e che metteranno i tifosi nella posizione in cui meritano di essere", si legge nella nota diffusa dal team.

Leggere l'assegnazione dei punti come un "premio" al risultato della qualifica è una prospettiva che, nell'ottica di campionato - di un campionato che alla pole position né ad altri piazzamenti riconosce alcun bonus di punti - è difficile da giustificare.