Storie tese in casa Haas tra Mazepin e Schumacher al GP d’Olanda e Vettel nel paga le conseguenze. Nelle fasi finali della Q1, Schumacher ha superato Mazepin per sfruttare una posizione migliore nell’attacco al tempo. Manovra che ha mandando su tutte le furie il pilota russo perché, secondo la sua versione, da regolamento interno al team a Zandvoort toccava a lui uscire e rimanere davanti per la qualifica. E allora vena chiusa e tentativo di contro sorpasso, a poche curve dalla fine del giro, per riprendersi la posizione… Con l’unico risultato di vedere le Haas formare un muro e bloccare l’incolpevole Vettel, impegnato anche lui nel tentativo di superare la tagliola della Q1.

Risultati e classifica della qualifica del GP d'Olanda

La rabbia di Mazepin

“Ad essere onesti sono furioso - Ha commentato Mazepin - Non dovrebbe essere difficile gestire il traffico in pista se sai come funziona la vita in un team di F1. In un weekend sei tu il primo ad uscire, quello dopo sei il secondo. Questa volta toccava a me la prima posizione”.

E non è la prima volta che succede perché: “Ad Imola ho sbagliato io e sono stato ripreso dal team, ma ora sono due volte che il torto lo subisco io. Il mio compagno di squadra mi ha passato e buttato in mezzo al traffico, mandando al diavolo il mio ultimo tentativo di giro veloce. Non sono contento perché se capita una volta è un errore che ci può stare, ma se ricapita una seconda, beh, allora è fatto di proposito. Ho parlato con il team e sono d’accordo con me, non so Schumacher cosa abbia da dire”.

La versione di Schumacher

Per Mick, invece, nulla di grave: “Dal mio punto di vista non ho fatto nulla di sbagliato. Ne stavo parlando via radio con il team, stavo facendo notare che la nostra non era una situazione ideale, L’ultima curva non era facile. Di certo, Sebastian è l’ultima persona che avrei voluto coinvolgere nella questione, mi dispiace per lui e per l’Aston Martin. Cercheremo di fare del nostro meglio in gara”.

Mazepin e Schumacher convocati dai commissari

L’impedimento che i due hanno causato a Vettel è valsa a entrambi la convocazione dai giudici di gara. Le Haas sono infondo alla griglia, una penalità in termini di posizioni cambierebbe poco il loro destino.