Un GP d'Olanda pieno di interrogativi, un 7° posto che non si riesce a spiegare. Carlos Sainz è deluso dalla sua prestazione a Zandvoort, conclusa tra l'altro con la sconfitta all'ultimo giro nel duello con il connazionale Alonso, che è riuscito a sorpassarlo proprio nelle ultime curve e a rubargli la sesta piazza. Da un venerdì perfetto, con la doppietta di Maranello nelle FP2 al botto nelle FP3, prima della qualifica, fino a un GP lento e anonimo. 

Dagli errori bisogna sempre imparare, soprattutto ora che la Formula 1 si trasferisce a Monza per il GP d'Italia, il primo da vivere in casa per il ferrarista davanti alla marea Rossa. E Carlos tutto vuole tranne che deludere le aspettative: la prima volta all'Autodromo da pilota Ferrari è un qualcosa di indimenticabile che si porta con sé per tutta la vita. Ci sarà tempo per bissare il successo di Leclerc a Monza del 2019 e vivere un sogno così. L'importante adesso è concentrarsi sulla guida della SF21.

Binotto: "Ferrari sta lavorando sui limiti della SF21 e siamo contenti"

A Monza per divertire e stupire

Più di una cosa non ha funzionato in questa domenica, e Sainz non lo nasconde: "E' stata una gara molto difficile, non capisco perchè ma ero molto lento. La SF21 scivolava molto davanti e dietro, avevo molto degrado sulle gomme al primo stint: più di quanto mi aspettavo e più di Charles. Non mi sono trovato a mio agio fin dal primo giro con la monoposto: non avevo feeling. È la prima volta che succede. Avrei voluto andare all'attacco, fare un gara alla rincorsa di Gasly e Leclerc ma non mi sentivo bene con la mia Ferrari, che non aveva grip all'anteriore e al posteriore e ho dovuto passare tutta la gara a guardarmi le spalle e gli specchietti. E infatti poi Alonso mi ha superato".

E ora si va in Italia: "Monza sarà un weekend molto speciale, me lo ricorderò tutta la vita. Domenica voglio divertirmi e rincordarmi tutto quello che succederà, ma prima devo analizzare quando successo in Olanda per non ripetere le stesse situazioni". 

Leclerc sul GP Olanda: "4° posto impossibile oggi! Non vedo l'ora di andare a Monza "