Duelli come quelli tra Niki Lauda e James Hunt, e Lewis Hamilton Max Verstappen sono destinati a riecheggiare per sempre nella storia della Formula 1. Rivalità che hanno acceso i Mondiali del 1976 e questo del 2021 che è ancora in corso, e deciderà se Hammer riuscirà a vincere l'ottavo titolo iridato diventando così il pilota più vincente di tutti i tempi.

Sorpassi, scontri, sportellate e anche incidenti: emozioni così in pista non hanno risparmiato nel passato i due piloti McLaren e Ferrari. Anzi, il ricordo è più vivo che mai e per Freddie Hunt, il figlio del campione inglese, viene stuzzicato ogni domenica quando vede la Red Bull lottare muso a muso con la Mercedes. 

Amici e nemici

In un'intervista a Sport1, Freddie ha commentato la spettacolarità di questa stagione, inaspettata e per nulla scontata coem invece si temeva al debutto: "Il Mondiale 2021 è probabilmente il miglior campionato che abbia mai visto. Lo trovo simile a quello del 1976,  estremamente ravvicinato ed emozionante. Ma con una chiara differenza importante: mio padre e Niki Lauda erano amici, mentre Max e Lewis chiaramente non lo sono. Niki e mio padre avevano un maggiore rispetto reciproco e si lasciavano più spazio nei corpo a corpo. Sapevano che se avessero rischiato troppo, avrebbero anche potuto uccidere un loro amico. Ai loro tempi, Max non sarebbe uscito dall’auto così facilmente dopo un incidente come quello alla Copse (nel GP di Gran Bretagna), tenendo conto della velocità”.

Senza azzardare paragoni blasfemi, il figlio di James ha però ammesso che nell'atteggiamento di Max più che in quello di Lewis rivede il papà: "Lewis non è affatto come mio padre. Verstappen è più simile a lui di quanto lo sia Hamilton”.