Vips parole razziste su Twitch, sospeso da Red Bull

Vips parole razziste su Twitch, sospeso da Red Bull© Getty Images

Il pilota fa parte del programma giovani Red Bull, corre in F2 con Hitech GP e in una sessione di gaming online ha utilizzato un appellativo razzista

Presente in

Fabiano Polimeni

22 giugno

Servirebbe un "disclaimer" a ricordare comportamenti e postura attesi anche quando si è fuori da un abitacolo, lontani da un circuito. Anche quando si gioca online. Accade che sia Juri Vips a pagare quella relegabile a leggerezza, ignoranza sul contesto da chi è prossimo all'età dei 22 anni e, giocando online e condividendo su Twitch l'esperienza, si lascia sfuggire un discriminatorio "neg*o". 

Passano poche ore tra l'appellativo razzista usato giocando a Call of Duty, in compagnia di un altro Red Bull junior, Liam Lawson, e da Red Bull arriva immediato il provvedimento di sospensione per Juri Vips.

"Red Bull Racing ha sospeso con effetto immediato il pilota Juri Vips da tutti gli impegni con il team, in attesa di una completa indagine sull'episodio.

Come azienda condanniamo qualsiasi abuso e abbiamo una politica di tolleranza zero verso un linguaggio o un comportamento che siano razzisti all'interno della nostra azienda".

Comportamenti costosi

Leggerezze comportamentali, gesti e azioni che dalla bravata diventano problemi di immagine per il brand a cui sei legato. Solo gli esempi più recenti, di Daniel Abt licenziato da Audi per aver barato facendo correre un professionista degli eSport al proprio posto.

Ancora, il kartista russo Severiukin al quale è stata cancellata la vittoria ottenuta in Portogallo per aver accennato un saluto romano sul podio. Ora l'episodio che coinvolge Vips.

Le scuse: linguaggio inaccettabile

Di rito il post social di scuse, con il quale Vips spiega: "Desidero scusarmi senza riserve per il linguaggio offensivo utilizzato precedentemente durante una sessione di gioco in diretta streaming. Questo linguaggio è completamente inaccettabile e non rappresenta i valori e principi che ho. Sono profondamente dispiaciuto delle mie azioni e non è questo l'esempio che desidero dare. Collaborerò completamente con l'approfondimento del caso. Juri".

Oltre a essere pilota junior di Red Bull e aver girato nelle libere 1 del GP di Spagna sulla RB18, Vips corre in Formula 2 con il team Hitech GP, settimo in campionato con 51 punti. "Sono rimasto sbalordito e indignato da quest'episodio. I commenti fatti da Juri sono offensivi e non rifletto affatto i valori di inclusione di Hitech. Come tutti ho scoperto questa vicenda circa un'ora fa (22:00 di martedì 21 giugno; ndr), del video e della sospensione Red Bull con un approfondimento che verrà svolto", ha commentato Oliver Oakes, responsabile Hitech GP. 


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi