I piloti della Formula Uno non hanno seguito l'esempio dei colleghi di GP2 - oppure ne hanno fatto tesoro - e così è successo molto poco su un circuito difficile come questo di Baku, tanto che non si è vista la temuta e preventivata safety car. Rosberg si è involato fin dall'inizio e non ha più lasciato il comando. Vettel è finito 2° gestendo bene la sua gara una volta che si è visto Ricciardo in difficoltà e senza ritmo, come pure Raikkonen è parso consistente, anche se alla fine non è riuscito a difendere il 3° posto da un anche stavolta ottimo Perez. Anche perché su Kimi pendevano 5 secondi di penalità per aver superato la linea di ingresso box. 

Alle loro spalle qualche sorpasso però solo in rettilineo e un Hamilton che ha un po' bisticciato con i settaggi al volante e non è andato più in là del 5° posto, a precedere la gara regolare di Bottas, mentre alle loro spalle Ricciardo e Verstappen hanno cercato di risolvere una gara difficile montando (unici fra tutti) le gomme medie. In ogni caso Hulkenberg non è riuscito a contenere la rimonta Red Bull nel finale ma è in ogni caso stato davanti a Massa, anche lui con problemi di gomme sul finire nonostante dei buoni giri iniziali. Peccato anche per i ritirati: oltre ad Alonso che cercava come sempre di fare il possibile, sono state bloccate le gare di Sainz e Wehrlein che si trovavano in ottime posizioni, mentre Kvyat non è riuscito ad esprimere cosa avrebbe potuto fare. Ora l'appuntamento con il prossimo GP, e con la nostra diretta, passa a Spielberg in Austria fra due settimane. Ricordando che trovate qui tutti i risultati e le classifiche dopo la trasferta in Azerbaijan.

Partenza alle ore 15 italiane (le 17 locali) per il GP d'Europa in Azerbaijan, ottava prova del Mondiale F1 2016. Che come di consueto seguiremo in tutti i suoi 51 giri con la nostra cronaca diretta, in parallelo qui sul web e su Twitter mediante il canale dedicato @autosprintLIVE.

Ricordiamo che la pista di Baku si sviluppa per 6 km con le sue 20 curve, presenta due punti di attivazione dell'ala mobile (il rettilineo principale e quello fra le curve 3 e 4) e che le mescole portate dalla Pirelli sono la supersoft rossa, la soft gialla e la media bianca, anche se pare improbabile venga usata quest'ultima in gara.

Qui il nostro servizio sullo schieramento di partenza, sull'arretramento di Perez, sulle strategie di pneumatici e sulla sostituzione ruota di Hamilton.