Gara movimentata e spettacolare a Sepang, con Ricciardo che approfitta splendidamente di tutte le occasioni e contiene l'assalto di Verstappen, conquistando così la sua prima vittoria stagionale. Rosberg viene mandato in testacoda al via da Vettel e poi rimonta da ultimo a 3°, mentre il ferrarista si ritrova con la ruota anteriore sinistra divelta. Hamilton invece sembra avviato a una facile vittoria, quando il motore lo abbandona in fiamme dopo 40 giri, lasciando così campo libero alle Red Bull che ad un certo punto offrono anche uno splendido duello fra loro. Ma dei singoli episodi di gara disquisiremo a parte.

Per quanto riguarda la corsa, Raikkonen può far poco per resistere alla rimonta di Rosberg e finisce 4°. Bravo Bottas 5° a precedere Perez sfruttando al massimo la strategia su una sola sosta, mentre Alonso è riuscito a risalire da ultimo al via fino al 7° posto finale, davanti a Hulkenberg e a Button, con l'inglese sfortunato nell'abbinare pit-stop e virtual safety car (tre in questa gara) ma comunque a completare la buona giornata delle McLaren-Honda entrambe in top ten. Ottimo, dal suo punto di vista, anche il 10° posto di Palmer, per la prima volta a punti.

In questa occasione Rosberg ha portato a 23 i suoi punti di vantaggio su Hamilton in campionato, e Ricciardo a 44 quelli su Raikkonen che ha scavalcato Vettel al 4° posto. Sempre in ottica di classifica, Massa ha problemi al gas fin dal giro di formazione e così non può contribuire nella lotta tra Williams e Force India nel campionato Costruttori, che vede la seconda ancora davanti per 3 punti. Ricordiamo inoltre che al momento di scrivere siamo in attesa di riscontri per quanto concerne la convocazione di Vettel e di Gutierrez dai commissari, uno per l'incidente al via e l'altro per aver perso una ruota: gara no per la Haas, che ha visto anche il ritiro di Grosjean per problemi in frenata. Anche Rosberg è stato preso di mira dai commissari, con una discutibile sanzione di 10 secondi (e 2 punti licenza) per una lieve toccata nel superare Raikkonen.

Comunque potete trovare qui le classifiche complete, e torneremo a parlare di gara F1 fra nemmeno una settimana, visto che il prossimo appuntamento è quello di Suzuka tra un solo weekend.

Introduzione

Partenza alle ore 9 italiane (le 15 locali) per il GP di Malesia, 16° appuntamento del Mondiale F1 2016. 56 giri di gara che seguiremo sempre con la nostra cronaca diretta in parallelo fra web e Twitter, tramite il nostro canale dedicato @autosprintLIVE.
La corsa si svolge sui 5.543 metri del Sepang International Circuit a Kuala Lumpur, pista abbastanza completa: serve motore per accelerare bene in uscita dalle curve lente e nei due lunghi rettilinei (dove si apre il DRS però con un unico detection point, fra le curve 12 e 13) ma anche una buona monoposto per via delle staccate e delle lunghe curve veloci che stressano abbastanza le gomme, specie quella anteriore sinistra.
Tuttavia la nuova superficie inciderà meno del passato sul degrado dei pneumatici, che la Pirelli ha portato qui nelle tre mescole più dure in gamma: soft, medium e hard, con queste ultime che dovranno essere obbligatoriamente impiegate (almeno 1 set) in gara. Essere finito appena fuori dalla top ten delle qualifiche (di 39 millesimi) per via di un errore di settaggio, potrebbe rivelarsi vantaggioso per Bottas nel consentirgli di applicare una strategia di gomme con partenza sulle medie e quindi un solo pit-stop per passare alle hard obbligatorie. Mentre gli altri che partiranno sulle soft (più veloci di 1"2 al giro) dovranno però adottare due soste, per ciascuna delle quali si perdono circa 18 secondi in pitlane.
Vedremo se in gara ci saranno tattiche alternative rispetto alla più probabile con 2 set di soft e 1 set di hard e come le temperature differenti rispetto alle qualifiche condizioneranno il rendimento delle monoposto, il tutto sempre che non arrivino safety car o pioggia a influenzare la situazione. Ricordando infine che trovate qui la griglia di partenza, qui alcuni riferimenti storici e statistici sulla gara e qui le classifiche di campionato.

La cronaca "live" con Twitter