Una gara con tanti episodi memorabili, quella a Sepang, già da prima del via con la macchina di Raikkonen che viene portata mestamente dalla prima fila ai box, per problemi alla power unit emersi nel giro di preschieramento. Così Hamilton si invola in prima posizione, ma poi può fare ben poco per contrastare un Verstappen in giornata di grazia: l'olandese passa di giustezza e conquista così la sua seconda vittoria in carriera, seguito sul podio da Hamilton stesso e poi da Ricciardo.

L'australiano è stato attaccato sul finale da Vettel, risalito bravamente dall'ultima posizione in griglia dopo i problemi in qualifica, ma il tedesco non è riuscito a cogliere l'attimo giusto prima che le gomme anteriori lo abbandonassero. Poi, a gara finita, c'è stato l'incredibile incidente con Stroll: un'incomprensione che però ha divelto la sospensione posteriore della Ferrari, e vedremo se non ci saranno altri danni al cambio che ne richiedano la sostituzione con conseguenti penalità alla prossima gara. 

Al traguardo Bottas, dopo una buona partenza in cui ha contrastato il secondo posto a Verstappen, si è classificato 5° precedendo Perez, ultimo dei non doppiati. Doppiato, ma non per questo autore di una brutta gara (anzi!), un ottimo Vandoorne, 7° davanti a Stroll, Massa e Ocon, con Alonso 11° appena fuori dalla top ten. Ritiro per Sainz, mentre Gasly alla sua prima gara ha portato l'altra Toro Rosso in 14esima posizione. 

Con questo risultato Hamilton consolida il primato in classifica, a 281 punti e quindi aumentando il vantaggio su Vettel (247) a 34 punti. Prossimo appuntamento tra una settimana a Suzuka.

GP di MALESIA: L'ORDINE DI ARRIVO

La cronaca "live" con Twitter

Introduzione

Partenza alle ore 9 italiane (le 15 locali) per il GP della Malesia, quindicesima prova del Mondiale F1 2017. Sono 56 giri di gara sul circuito di 5.543 metri che seguiremo dall'inizio alla fine con la nostra cronaca diretta, tramite il nostro canale Twitter specifico @autosprintLIVE.

Sarà una gara molto difficile già in partenza per le elevate temperature ambientali o, all'opposto, per la pioggia che si potrà presentare all'improvviso in qualsiasi momento (le previsioni danno la possibilità di temporali e schiarite). Ma per qualcuno sarà più difficile che per altri: parliamo ad esempio di Vettel, che dopo i problemi in qualifica sarà chiamato a una grande rimonta dall'ultima posizione sullo schieramento. Quando invece il suo rivale diretto in campionato, Hamilton, partirà dalla pole position, affiancato in prima fila da Raikkonen e seguito in seconda fila dalle due Red Bull, che in caso di gara bagnata potrebbero fare davvero da terzo incomodo.

In caso di pista asciutta e al netto di eventuali safety car, la strategia più probabile sarà quella con una sola sosta, passando da supersoft a soft dopo 15-23 giri secondo i casi. Qualora degrado e/o caldo fossero maggiori del previsto, sarebbe allora più consigliabile una tattica su due soste, tenendo inizialmente due set di supersoft per 12 e 16 giri circa, per poi passare alle soft nei rimanenti giri fino al traguardo. Comunque, secondo i tecnici Pirelli, difficilmente si farà ricorso alle gomme medie. Quale sarà l'effettiva situazione ambientale di gara, lo vedremo solo al momento tramite la nostra cronaca diretta "live".

Questi alcuni link utili per il GP a Sepang:
- i numeri e le curiosità della gara
- le scelte effettuate dalla Pirelli
- le caratteristiche del tracciato
- gli orari TV di tutte le fasi

LE CLASSIFICHE DEL MONDIALE F1 2017