Tornati in pista”, a pieno regime. La produzione industriale Ferrari riguadagna i soliti ritmi, dopo una ripartenza progressiva avviata lo scorso 4 maggio, nel rispetto delle linee guida del piano Back on track, stilato a tutela della salute dei lavoratori in fabbrica.

I primi modelli usciti 

E se il primo modello in assoluto a essere uscita dalla linea Serie Speciali è stata una Ferrari SP2 color grigio-nero, le successive sono state una Ferrari 812 GTS e una Ferrari F8 Tributo.

La specialissima “Icona”, la SP2 Monza, porta a conclusione un percorso che 7 settimane fa era sul punto d’essere ultimato. Poi lo stop forzato, causa pandemia di coronavirus, e l’auto rimasta in stand by.

Adesso, l’auto verrà inviata alla volta degli States, dove il proprietario potrà mettersi al volante. Dalla linea delle Ferrari 12 cilindri è toccato alla spider 812 GTS, color grigio GTS, a battezzare la ripartenza, verrà consegnata a un cliente australiano.

Infine, ultima nata a Modena, la Ferrari F8 Tributo, una specifica color rosso Corsa che potrà adesso essere consegnata al proprietario tedesco.

Ferrari, bene primo trimestre 2020: +4,9%