Un risultato completamente in linea con le aspettative della Ferrari. Seppur il venerdì pomeriggio e la prima giornata di prove libere del GP di Francia fermi il crono sul 5° tempo di Charles Leclerc e l'8° di Carlos Sainz. Lo aveva detto il momnegasco, lo ha ribadito Binotto e lo ha sottolineato anche Mekies: la Scuderia di Maranello non è da pole position sul circuito di Le Castellet. L'unica lotta che la SF21 farà in questo weekend è quella con la McLaren per aumentarne il gap nella classifica costruttori e consolidare così il ruolo di terza forza di questo Mondiale 2021.

Tutti pronostici, quelli del team, mentre i tifosi sperano nell'ennesima sopresa Rossa come a Monaco e a Baku seppur le FP1, le FP2 e le previsioni diano favorite le top class Mercedes e Red Bull. Il settimo appuntamento stagionale è un bel terno al lotto per il Cavallino, chiamato a mostrare i muscoli.

Hamilton: "Tempi non terribili: la gomma dura ci dà sensazioni migliori"

Leclerc: "Non male questo venerdì"

Leclerc, che queste curve le conosce bene visto che fin da piccolo le ha sempre raggiunte dalla vicina Montecarlo, ha firmato come dicevamo un 5° tempo al pomeriggio migliorando l'11° segnato al mattino. Il bilancio è comunque positivo: "I risultati odierni sono in linea con le aspettative e con quelli che sono i valori in campo che normalmente ci aspettiamo, mentre gli ultimi due weekend ci avevano proposto delle piacevoli sorprese: Baku e Monaco sono stati due weekend molto positivi, addirittura meglio di quanto ci aspettassimo. Oggi abbiamo lavorato soprattutto sul bilanciamento. Il vento era molto forte e questo ha reso più difficile guidare. Era lo stesso per tutti però, quindi si è trattato soprattutto di prendere le misure in queste condizioni per gestirle nella maniera migliore.

La giornata di oggi non è male, ma c'è ancora tanto lavoro da fare. La macchina ha dato sensazioni buone dopo le prove libere 1. Nel pomeriggio abbiamo progredito bene rispetto alla prima sessione di libere. In vista delle qualifiche sarà importante comprendere nel modo migliore come far lavorare al meglio le gomme. Inoltre dovremo considerare il vento come variabile nella messa a punto perché sarà importante avere una vettura facile da guidare domani. Se riusciremo a gestire al meglio queste due variabili sono sicuro che potremo avere un weekend interessante".

Verstappen: "Difficile azzeccare il giro, non sarà facile"

Sainz: "Tracciato dai tanti problemi"

Anche Carlos Sainz, ottavo nelle prove libere 2 ha analizzato il suo venirdì francese, analizzando l'8° posto nelle FP2 e il 16° nelle FP1: "La macchina ha dato indicazioni discrete, ma sapevamo che questo tracciato ci avrebbe dato qualche problema rispetto a Baku e Monaco. Oggi è stata una giornata complicata. Prevedevamo di fare fatica su questo circuito. Siamo tornati alla realtà, ma siamo contenti che il bilanciamento sia positivo. Siamo dietro, anche se non così tanto.

L’aspetto più difficile da gestire è stato il vento. Avevamo raffiche frontali nei rettilinei e di coda nelle curve: praticamente la peggiore situazione possibile qui, e infatti il circuito era particolarmente impegnativo e più lento del solito. Per quanto riguarda le gomme, non sono state buone e non capisco ancora perché: le Soft e le Hard hanno funzionato bene. Continueremo a lavorare per cercare di tirare fuori il massimo dalla vettura domani".