GT ITALIANO A MONZA Vittoria e titolo Ferrari con reclamo Audi MONZA - Finale al cardiopalma con scorrettezze e reclami nel campionato italiano GT che si è corso a Monza. Il titolo è andato alla Ferrari 458 della scuderia Baldini di Giammaria-Casé, ma sull'esito pende un reclamo dell'Audi per una penalità affibbiata in gara-2 alla R8 Lms di Mapelli-Schoffler. Dopo che i due equipaggi rivali erano giunti rispettivamente quarti (l'Audi) e sesti (la Ferrari) in gara-1 vinta dalla Ferrari del team Ombra di Frassineti-Costantini, vittoria e titolo i rivali se la sarebbero giocata nella seconda gara. Che è stata contraddistinta da un duello proprio fra l'Audi di Mapelli-Schoffler e la Ferrari di Giammaria-Casé che lottavano per il secondo e terzo posto. Una penalizzazione di un secondo comminata all'Audi avrebbe consentito alla Ferrari di vincere il titolo a patto che Giammaria fosse riuscito a restare in scia a Mapelli e non farsi staccare oltre 1”. L'episodio incriminato è successo all'ultimo giro quando Giammaria ha tamponato l'Audi. La squadra di Giammaria ha reclamato per una frenata eccessivamente anticipata di Mapelli e i commissari, dop aver analizzato la telemetria, hanno riscontrato veritiera la cosa e hanno penalizzato l'Audi così Giammaria è giunto secondo e ha conquistato il titolo con l'Audi terza. Ma l'Audi ha fatto reclamo e per ora classifica e campionato sono sub judice. La vittoria della corsa invece, è andata alla debuttante Chevrolet Camaro di Sini e Enge che finora correva nel campionato Euro V8 e che ha mostrato di essere molto competitiva sulle piste veloci come Monza anche in GT. PROTOTIPI A MONZA Faccioni-Uboldi, duello in pista e tra i giudici Prototipi MONZA - Anche la gara del tricolore Prototipi è sub judice e il titolo per ora è nelle mani dei giudici. Il vincitore in pista di gara-2, Jacopo Faccioni che con la vittoria avrebbe conquistato il titolo italiano, è stato escluso dalla classifica per irregolarità tecniche al motore della sua Osella, riscontrate dopo un reclamo. La vittoria è stata assegnata così al secondo classificato, Davide Uboldi, che con il primo posto è campione italiano. Ma un reclamo di Faccioni su cui si pronuncerà al giustizia sportiva ha congelato classifica e titolo italiano. Uboldi la chance per chiudere il campionato l'aveva avuta in gara-1 quando era andato all'attacco del primo posto a Lesmo, ma un guasto meccanico l'aveva fatto uscire di pista e così non ha preso punti. In gara-2 ha ostinatamente cercato così la vittoria arrivata dopo la squalifica di Faccioni. Sul campo gara-1 è andata a Jacoboni, davanti a Visconti, Margelli e Faccioni. Mentre gara-2, dopo l'esclusione di Faccioni che aveva tagliato per primo il traguardo, è stata vinta da Uboldi davanti ancora Jacoboni e Visconti. Ma decideranno tutto i giudici.