Richiama antenate entrate nella storia, sigle accostate all’impiego esclusivamente in pista – programmato o realmente attuato – come furono Miura Jota e Diablo GTR. Lamborghini Essenza SCV12 è l’ultima nata a Sant’Agata Bolognese, la sintesi della più avanzata tecnica motoristica accostabile all’immagine del Toro.

Liberarsi dei limiti e dei vincoli di una supercar comunque omologata per circolare su strada era il primo passo da compiere, così Essenza SCV12 nasce come arma da pista, da custodire nel box e guidare sui tracciati migliori al mondo, piste FIA di Grado 1 dove girerà dal 2021. Quaranta fortunati clienti avranno la possibilità di acquistare la SCV12 e accedere al relativo Club, che offrirà un box personalizzato in un hangar a Sant’Agata Bolognese, dove parcheggiare l’Essenza in attesa di guidarla in pista. Sarà sempre sotto l’occhio vigile del cliente-pilota, monitorata via webcam accessibile da una app.

Stile più che mai funzione

Nel design esprime i tratti Lambo nei richiami alle forme esagonali e a Y, tipiche della produzione stradale. Il lavoro del Centro Stile ha integrato gli elementi in un design che anzitutto dev’essere funzionale alla prestazione. Dallo splitter anteriore alle pinne dietro le ruote anteriori, passando per i baffi davanti l’asse, le canalizzazioni dei flussi, la presa dinamica al tetto, le forme da "coda lunga", fino all’ala posteriore regolabile e un diffusore con canali da prototipo, tutto va nella direzione della realizzazione del potenziale massimo. 

In termini di carico deportante genera 1.200 kg a 250 km/h, valore superiore a una Huracan GT3, sufficienti a immaginare forze G sul pilota-cliente che richiederanno una preparazione fisica da pilota vero. E sarà parte del pacchetto di servizi accessibili dal Club Essenza SCV12, il Lamborghini Squadra Corse Drivers Lab curerà la condizione fisica con il supporto di Italiana Tecnobody, strutturando piani di allenamento simili ai driver ufficiali Lamborghini. Come Marco Mapelli, tutor d’eccezione in pista per dare le dritte giuste ai clienti, insieme a Emanuele Pirro.

Motore, l'Essenza del V12 

Dal V12 aspirato arrivano 830 cavalli, per un rapporto peso-potenza di 1,66 kg/cv, massa la cui disposizione è stata affinata ricorrendo a un telaio monoscocca in fibra di carbonio – in linea con gli standard di sicurezza FIA previsti per i prototipi – e l’installazione del cambio in posizione posteriore-trasversale, un X-Trac 6 marce sequenziale da corsa a scaricare coppia e cavalli sull’asse posteriore.

Contenimento delle masse ottenuto dai cerchi in magnesio, 19 più 20 pollici – con gomme Pirelli slick – e freni Brembo carboceramici. Le raffinatezze tecniche passano anche dallo schema delle sospensioni posteriori, un push-rod con triangoli installati sulla scatola del cambio, per una configurazione semi-strutturale del retrotreno.

“Essenza SCV12 è la massima espressione del motore V12 aspirato, simbolo del nostro Marchio dal 1963 ad oggi. Un progetto in cui abbiamo unito la ricerca della perfezione ingegneristica a un’aerodinamica raffinata, design futuristico e soluzioni innovative come la monoscocca in carbonio senza rollcage interno.

Il risultato è una vettura coinvolgente e senza compromessi, nata per correre e per esaltare in pista le caratteristiche che hanno reso celebre Lamborghini nel mondo, offrendo emozioni uniche e speciali”, spiega Maurizio Reggiani, capo dell’Area tecnica di Automobili Lamborghini.

Capristo dà voce al V12

Il sound sarà da antologia, per il frazionamento, per l’architettura, la sovralimentazione dinamica dall’airbox e, non ultimo, lo scarico con terminali progettati in collaborazione con Capristo. Pensata e sviluppata per la pista, Lamborghini Essenza SCV12 non tralasciare le esigenze di un rapido intervento ai box, prevedendo la carrozzeria in tre pezzi, sostituibili se necessario.

Dal cockpit, con sedili OMP, la centrale di comando è nel volante estraibile con display integrato e manettini di regolazione, tra cui il limitatore di velocità Full Course Yellow, varie modalità di innesto della frizione, soglie regolabili di intervento dell’Abs e del controllo di trazione. Non manca il “comfort” dell’impianto di climatizzazione.

“Essenza SCV12 rappresenta la più pura esperienza di guida in pista che il nostro marchio possa offrire, un’impresa ingegneristica che sottolinea il legame indissolubile tra il nostro Marchio e l’asfalto della pista. Lamborghini è un brand costantemente rivolto al futuro e in cerca di sfide innovative, ma non dimentichiamo mai le nostre radici e ciò che siamo: costruttori di auto supersportive. Essenza SCV12 è il perfetto connubio tra il nostro spirito non convenzionale e la vera passione per il motorsport”, il commento di Stefano Domenicali, a.d. Lamborghini.