Dopo aver conquistato la pole in mattinata, il trentunenne tedesco del team Phoenix Mike Rockenfeller ha conquistato il suo primo successo stagionale, precedendo la BMW di Bruno Spengler ed il compagno di Marca Mattias Ekstroem. Il campione del DTM 2013 ha un particolare feeling con il Moscow Raceway. Due anni fa il driver di Ernst Moeser si era aggiudicato la prima del DTM in Russia, ottenendo punti che si rivelarono decisivi per la conquista del titolo. Il pilota dell’Audi, giunto al suo quarto successo assoluto nella serie, non è mai stato sotto pressione ed ha effettuato il cambio gomme dopo tutti i suoi più diretti rivali. Era dal 2013 che il vincitore della 24ore di Le Mans edizione 2010 non saliva sul gradino più alto del podio. Mattias Esktroem si invece riscattato dal discusso incidente avvenuto ieri con Timo Glock e ha riacciuffato il vertice della graduatoria generale ai danni di Pascal Wehrlein, che non è riuscito a sopravanzare Nico Mueller ed ha dovuto accontentarsi della decima posizione. Il tedesco ha anche perso secondi preziosi nel corso del cambio gomme.  Lo svedese del Team Abt si è reso protagonista di un bel sorpasso su Maxime Martin, che poi ha chiuso al quarto posto. L’ottava posizione consente a Edoardo Mortara, tredicesimo in qualifica, di mantenere la terza posizione in graduatoria generale. Antonio Giovinazzi ha colto la ventunesima posizione, dopo essere stato spinto fuori pista da Antonio Da Costa, poi penalizzato con un drive through. Il pilota di Martina Franca aveva ottenuto un buon sedicesimo posto in qualifica. Al vertice della graduatoria generale, Ekstroem guida con sei punti di vantaggio su Wehrlein e sedici su Mortara. Il prossimo appuntamento stagionale si disputerà ad Oschersleben, nel Magdeburgo, il secondo fine settimana di settembre. Alessandro Gargantini   DTM a Mosca: in Gara 1 il riscatto di Pascal Wehrlein DTM_Pascal Wehrlein Lo avevamo lasciato sconsolato nella sabbia della curva Rauch di Spielberg, dove lo aveva colpevolmente spedito l’Audi di Timo Schieder, e lo ritroviamo sul gradino più alto del podio nella prima gara disputata nella regione del Volokolamsk, ubicata a una settantina di chilometri ad ovest della capitale russa. Il pilota della Mercedes Pascal Wehrlein ha mostrato una gran voglia di rivincita, quando nei giri conclusivi ha acciuffato e sopravanzato la BMW del campione in carica Marco Wittmann, che pareva avviato al suo secondo successo stagionale. I venticinque punti conquistati consentono al terzo pilota della Mercedes di conquistare il primo posto in graduatoria generale ai danni di Mattias Ekstroem. Lo svedese pilota del team Abt, in lotta per la quarta posizione, si è scontrato con Timo Glock ed è finito contro le barriere. Terza posizione per Bruno Spengler, abile nel sorpassare nel corso dell’ultimo giro Jamie Green. Ancora una volta si è fatto notare Daniel Juncadella, che ha portato la Mercedes di Peter Muecke al quinto posto. Positivo il bilancio dei nostri portacolori. Edoardo Mortara è risalito dalla dodicesima posizione in griglia fino al sesto posto, mentre il debuttante Antonio Giovinazzi ha confermato la posizione ottenuta in qualifica, cogliendo la diciannovesima piazza e meritandosi una nota di merito di Norbert Haug. Il pilota di Martina Franca, che quest’anno aveva effettuato soltanto una giornata di prove al Lausitzring, nel mese di giugno, ha corso in sostituzione dello squalificato Timo Scheider e ha portato con sé anche una zavorra di 30 kg. In classifica generale, Wehrlein guida con otto punti di vantaggio su Ekstroem e tredici su Mortara. Gara due è prevista domani alle ore 15,10. Alessandro Gargantini