Doppietta Honda nel Super GT a Suzuka. Al via con poca zavorra per via delle prime gare non particolarmente fortunate, Takuya Izawa e Tomoki Nojiri, alfieri del team ARTA di Aguri Suzuki, hanno condotto tutta la corsa dalla pole (con record della pista) nel terzo appuntamento della serie svolto sulla distanza dei 300 chilometri. Al secondo posto Jenson Button, che in coppia con Naoki Yamamoto, specialista di Suzuka, aveva quasi 30 kg in più dei colleghi. Pur avendo dovuto rinunciare al successo, l'ex portacolori della McLaren in Formula 1 ha preso la testa del campionato, con un punto di vantaggio su Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda.

Per via dei 26 punti in classifica alla vigilia del round, il duo italo-giapponese del team Nismo ha dovuto portare in gara, in aggiunta alla zavorra, anche il restrittore al flusso del carburante che scatta oltre i 25 punti. Una soluzione particolarmente penalizzante su una pista veloce come Suzuka. Dopo l'ultimo posto della qualifica con Matsuda, Quintarelli ha rimontato alla grande sino al quinto posto, e la squadra si è alla fine piazzata sesta. I punti conquistati sono fondamentali: Heikki Kovalainen, campione 2016 col team Sard, è infatti finito fuori pista al 14° giro, mentre la Lexus del team Le Mans, seconda nelle ultime edizioni del campionato, è stata sanzionata con un drive-through finendo fuori dai punti. A partire dal prossimo round, il restrittore toccherà anche a Cassidy-Hirakawa e Yamamoto-Button.

Al terzo posto, i campioni in carica Ryo Hirakawa e Nick Cassidy hanno recuperato bene, mentre al quarto posto, la Nissan del team Impul, guidata da Daiki Sasaki e Jann Mardenborough, ha resistito all'assalto della Lexus di Nakajima-Sekiguchi in un ultimo assalto a sportellate. Nonostante la rimonta impressionante nel finale di Kazuki Nakajima, Sasaki ha retto all’arrembaggio, terminando ai piedi del podio.

In classe GT300, vittoria di Yoshimoto-Miyata su Lexus. Marco Mapelli, al via con una delle Lamborghini JLOC, ha concluso quarto con una gran rimonta finale.

L’ordine d’arrivo della 300km di Suzuka, terza tappa del Super GT 2018:

1 - Nojiri/Izawa (Honda NSX) – Arta - 52 giri
2 - Yamamoto/Button (Honda NSX) – Kunimitsu - 2"793
3 - Hirakawa/Cassidy (Lexus LC500) – Tom's - 11"387
4 - Sasaki/Mardenborough (Nissan GT-R) – Impul - 38"088
5 - Nakajima/Sekiguchi (Lexus LC500) – Tom's - 38"704
6 - Matsuda/Quintarelli (Nissan GT-R) – Nismo - 40"753
7 - Motoyama/Chiyo (Nissan GT-R) – BMAX - 1'04"810
8 - Tachikawa/Ishiura (Lexus LC500) – Cerumo - 1'05"387
9 - Oliveira/Takaboshi (Nissan GT-R) – Kondo - 1'05"558
10 - Baguette/Matsuura (Honda NSX) – Nakajima - 1'06"095

In campionato
1. Yamamoto-Button 32; 2. Matsuda-Quintarelli 31; 3. Hirakawa-Cassidy 26; 4. Nojiri-Izawa 24; 5. Tsukakoshi-Kogure 21.