Da gara di apertura ad atto conclusivo. E' lo strano destino del round di St. Petersburg della IndyCar, che a causa del Covid-19 ha seriamente rischiato di saltare, con l'organizzazione americana che però è riuscito a salvare la prova sul circuito cittadino della Florida.

Alonso tra Indy 2020 ed il 2021

Si chiude ad ottobre

St. Petersburg avrà così l'onore di chiudere la stagione 2020 della IndyCar, la quale, salvo peggioramenti ulteriori della pandemia in terra americana, scatterà il 6 giugno dall'ovale del Texas. La corsa in Florida è stata fissata per il 25 ottobre, con grande soddisfazione per tutto il campionato statunitense, come affermato da Mark Miles, amministratore delegato dell'IndyCar: “Le strade di St. Petersburg accoglieranno un finale di stagione in modo appropriato e pieno di azione, in quella che è una città molto rappresentativa per tutta la IndyCar. Ringraziamo il sindaco Rick Kriseman, il promoter Green Savoree e la Firestone per aver collaborato con noi nel trovare una nuova data per l’evento”. La serie ha stabilito anche una data di sicurezza per la Indy 500: se la classifica sull'ovale dell'Indiana dovesse saltare il 23 agosto, verrà recuperata il 10 ottobre.

Gli orari del Texas

IndyCar 2020: il calendario

1. 6 giugno - Texas (ovale)
2. 21 giugno - Road America (pista)
3. 27 giugno - Richmond (ovale)
4. 4 luglio - Indianapolis Gp gara-1 (pista)
5. 12 luglio - Toronto (cittadino)
6. 17 luglio- Iowa gara-1 (ovale)
7. 18 luglio - Iowa gara-2 (ovale)
8. 9 agosto - Mid-Ohio (pista)
9. 15-16 agosto - qualifiche Indianapolis 500 (ovale)
9. 23 agosto - Indianapolis 500 (ovale)
10. 30 agosto - Getaway (ovale)
11. 13 settembre - Gp of Portland (pista)
12. 19 settembre - Laguna Seca gara-1 (pista)
13. 20 settembre - Laguna Seca gara-2 (pista)
14. 3 ottobre - Indianapolis Gp gara-2 (pista)
15. 25 ottobre - St. Petersbourg (cittadino)