Chi lo ha detto che la filiera Red Bull è a corto di idee? Helmut Marko per il 2021 è pronto a piazzare ben sette piloti tra Formula 2 e Formula 3, sempre nel tentativo di allevare e magari portare a Milton Keynes il pilota del futuro.

Honda, nostalgia Yamamoto: peccato lasciare 

Gli ultimi anni burrascosi

Lo junior team della Red Bull negli ultimi anni è sembrato un po' ridimensionarsi, a cominciare da alcune scelte proprio di Marko. Nel 2018 ad esempio, dopo il siluramento di Daniil Kvyat, l'ex pilota austriaco aveva richiamato in Toro Rosso una vecchia conoscenza, Brendon Hartley, che era stato escluso dal progetto qualche anno prima. Con la dipartita di Daniel Ricciardo a partire dal 2019, Marko si era visto costretto a promuovere Pierre Galsy in Red Bull lasciando un sedile vacante a Faenza, e riempiendolo con Alexander Albon, ormai destinato alla Formula E, e chiamando nuovamente alla base Kvyat. Infine, dopo l'avvicendamento tra Gasly ed Albon in prima squadra targato 2019, per il 2021 Marko ha deciso di non mettere alcun pilota della "cantera" al fianco di Verstappen, optando per un pilota molto esperto come Sergio Perez. Per la prima volta dal 2013 dunque (Mark Webber, ndr) ci sarà un pilota non proveniente dallo junior team dei bibitari.

Bottas 6° in Lapponia: "I rally un supporto alle capacità di guida"

Tre piloti in F2

Helmut Marko però non molla e crede ancora fortemente nell'idea di allevare giovani piloti, e non si è fatto trovare impreparato per la prossima stagione. Alla Hitech, orfana di Nikita Mazepin e Luca Ghiotto, ci saranno infatti due "torelli" per affrontare la nuova stagione di Formula 2: si tratta di Juri Vips e del debuttante Liam Lawson. Vips, estone classe 2000, ha disputato quattro weekend di gara nel campionato cadetto 2020, vivendo il suo miglior fine settimana al Mugello: 7° in gara-1 e 3° in gara-2, per gli unici punti del suo campionato. Lawson invece, neozelandese classe 2002, dopo due anni di Formula 3 è pronto al salto in F2: nel 2020 ha chiuso 5° in campionato con tre vittorie e sei podi totali. Con loro in Formula 2 ci sarà anche l'indiano classe 1998 Jehan Daruvala, 3° nella Formula 3 2019 e 12° nella Formula 2 2020, campionato che ha chiuso vincendo la Spint Race del GP di Sakhir. L'indiano correrà ancora con la Carlin.

Sainz saluta tutti da Maranello: cominciato il lavoro al simulatore

E quattro piloti in F3

In Formula 3 invece le presenze della filiera Red Bull saranno ben quattro. Alla Hitech correranno Jak Craword ed Ayumu Iwasa: Crawford è un americano che compirà 16 anni il prossimo 5 maggio ed ha chiuso 2° in Formula 4 Tedesca, mentre Iwasa, supportato anche dalla Honda, è un giapponese classe 2001 che nella passata stagione ha fatto suo il titolo della Formula 4 Francese. Alla Carlin verrà piazzato Jonny Edgar, britannico classe 2004 vincitore della Formula 4 Tedesca proprio davanti a Craword. Dennis Haugher invece, norvegese classe 2003, correrà con la Prema, facendo squadra con Olli Caldwell ed Arthur Leclerc, fratello minore di Charles. Haugher ha vinto il titolo della Formula 4 Italiana nel 2019 finendo 2° nello stesso anno in quella Tedesca, mentre nella passata stagione ha corso in F3 chiudendo il campionato al 17° posto, con un podio.

Bottas, no ai giochetti mentali per battere Hamilton: "Non sono come Nico Rosberg"