Il brutto episodio avvenuto nel corso della finale KZ, del mondiale kart a Lonato, lo scorso 4 ottobre, ha il suo epilogo con la decisione del Tribunale internazionale FIA. Ed è un epilogo che porta la sospensione e squalifica di Luca Corberi per 15 anni a partire dal 19 aprile, giorno della pronuncia della corte, dopo l'udienza tenutasi il 22 marzo scorso.

Sterzi a parte: Lewis crea pericolo in retro contromano e tutto va bene?

Corberi, nei giorni successivi all'accaduto - che lo ha visto scagliare una carena anteriore del proprio kart contro il kart di Paolo Ippolito, ancora in gara - con un post sui social aveva anticipato l'intenzione di appendere il casco al chiodo.

Gli episodi analizzati dalla FIA

L'udienza della FIA ha ricostruito l'episodio di gara tra Corberi e Ippolito, non inquadrato dalle telecamere e, nelle carte del dispositivo del tribunale, si legge come "nel corso del giro 9 della fase finale, il pilota numero 22 Paolo Ippolito ha spinto il pilota fuori pista. Mentre il Convenuto (Corberi; ndr) si è dovuto ritirare dalla gara, il sig. Ippolito ha potuto proseguire fino al termine della gara. Il sig. Ippolito è stato, comunque, squalificato dai commissari".

Questo per quanto attiene il primo episodio, seguito dal secondo, con Corberi a liberare il proprio kart dalle barriere e usare una parte di carena anteriore - staccata dal kart - per lanciarla all'indirizzo di Ippolito, il giro successivo. 

"Mentre la gara era ancora in corso, il pilota ha lanciato la carena anteriore del proprio kart, che pesa almeno 1,350 kg, all'indirizzo del sig. Ippolito, la cui velocità, al pari dei piloti che lo seguivano, era di circa 100 km/h, risultante in un livello di energia, secondo la FIA, equivalente a 521 J (joule; ndr). 

Kart, ACI sospende le licenze ai Corberi e al kartodromo

Avesse questa quantità d'energia impattato direttamente sul casco di un pilota e, considerato che il sedile di un kart non si estende oltre l'altezza delle spalle, è comunemente riconosciuto e indiscusso dal convenuto che questo avrebbe portato a serie (non fatali) ferite al collo per un improvviso movimento all'indietro della testa e una significativa iperestensione del collo". 

Nel procedimento avviato dalla FIA rientrano anche gli episodi del dopogara, con la rissa ai box, tra Corberi, Ippolito e i rispettivi padri.

La squalifica e l'interdizione 

La pronuncia del Tribunale internazionale della FIA ha deciso la squalifica di Luca Corberi dal mondiale kart KZ di Lonato, imposto la sospensione e interdizione per un periodo di 15 anni, posto a carico tutte le spese legali del procedimento.

Il testo della decisione integrale del Tribunale internazionale FIA