E' stato un grande show quello che all'Autodromo Vallelunga ha incoronato i tre campioni 2021 che ancora mancavano all'appello nel Porsche Club GT, giunto all'ultimo atto valido per la classifica piloti. Al termine di una stagione emozionante e tutta alla ricerca del limite sul giro più veloce, Emiliano Formaini ha vinto il titolo della DSW 997 Cup, Diego Locanto si è aggiudicato la Goodyear GT3 RS e Carlo Manetti la Sparco GT. I tre neo-campioni si aggiungono ai quattro piloti che avevano già chiuso i discorsi per il titolo delle altre categorie nella precedente tappa di Misano: Federico Reggiani (DSW 991 Cup), Davide Zumpano (Tubi Style GT3), Martino Rigo (Panta GT4) e Andrea Ruscica (Entry level/Historic).

E' stata una stagione da record per il monomarca nazionale riservato alle 911, Cayman e Boxster da corsa e stradali disputato sotto l'egida di AciSport nel contesto dei weekend organizzati dal Gruppo Peroni. Con un successo oltre le aspettative, spiega Diego Locanto, presidente del Porsche Club Umbria, promotore della serie: “In tutto quest'anno il Porsche Club GT ha coinvolto oltre cento piloti, con la punta di 60 partecipanti al Mugello. Qui a Vallelunga gli iscritti erano 42. Siamo davvero soddisfatti di questi numeri, ma soprattutto dell'annata nel suo complesso, come successo organizzativo e sportivo di questa seconda edizione, come partnership con il Gruppo Peroni e come crescita e comportamento dei piloti in pista e fuori, dove si è creato un ambiente anche di amicizia. Ora abbiamo assegnato tutti i titoli piloti e siamo al lavoro per aggiungere un ulteriore evento, un 'festival' fra settembre e ottobre nel quale assegnare anche il titolo a squadre”.

Sul circuito romano di Vallelunga i duelli di vertice si sono confermati sempre al limite e, oltre ai tre neo-campioni, nelle altre categorie il quinto round disputato lo scorso weekend ha premiato in gara Daniele Polverini in DSW 991 Cup, Tazio Pieri in Panta GT4, Devid Vesprini in Entry level/Historic e il già campione Zumpano in Tubi Style GT3.

Fra le categorie delle 911 GT3 Cup da pista, nella DSW 997 Cup era attesissimo il duello di vertice fra Giovanni Lastrucci ed Emiliano Formaini. Il rookie fiorentino, però, per noie al cambio, ha dovuto saltare le tre gare in programma domenica. Al rivale servivano comunque vittoria e giro record: missione compiuta per Formaini, autore di una giornata quasi perfetta che lo ha incoronato campione 2021: “Una stagione fantastica - ha detto il driver trentino dopo il podio -; non pensavo, era la prima volta per me in un campionato e qui a Vallelunga ero all'esordio. Ho trovato un po' di traffico in gara 1 però poi è andata bene e sono contentissimo di aver vinto gara e titolo”. Con lui sul podio del circuito capitolino è salito l'alto-atesino Armin Hafner, secondo al miglior risultato stagionale al termine di un intenso duello con lo svizzero Walo Bertschinger, terzo.

Nell'altra categoria “racing”, la DSW 991 Cup con le 911 GT3 Cup più recenti, ammirato in azione l'ultimo modello 992 portato in pista da Luca Pastorelli, pilota modenese già protagonista in Carrera Cup Italia, mentre la vittoria di tappa è andata al valdarnese Daniele Polverini, al primo centro nel Porsche Club GT.

Fra le stradali, dopo la piazza d'onore dello scorso anno il presidente del Porsche Club Umbria Diego Locanto ha conquistato il titolo della Goodyear GT3 RS. Girando in 1'41”511 per il pilota di origini siciliane è arrivato anche il record della pista nella categoria, nella quale a Valleunga ha colto il terzo successo stagionale consecutivo: “Negli ultimi anni - ha detto Locanto - abbiamo sempre mostrato di poter lottare ai vertici quindi sono soddisfatto, ho dato continuità a un processo iniziato nel 2018. E contento anche della prestazione singola sul giro. Dopo qualche problema a inizio anno abbiamo tenuto duro e siamo usciti alla distanza”. Ha lottato fino all'ultimo Ilario Introna, il gentleman pugliese vincitore quest'anno al Mugello, che a fine gara ha comunque raccolto un altro prezioso secondo posto e mostrato progressi continui al volante della potente 911 GT3 RS di Stoccarda, arrivando a pochi decimi dal “best” di Locanto. Nuovo podio, il terzo stagionale, anche per Luca Ferranti, il pilota ravennate che ha concluso terzo.

A Vallelunga la Sparco GT ha assegnato il titolo 2021 a un altro ravennate, Carlo Manetti. Dopo un lungo duello con il padrone di casa Marco Santanocita, Manetti si è confermato campione della categoria dopo l'alloro conquistato anche nel 2020: “Ho iniziato a prendere confidenza anche con questa pista - ha detto l'esperto driver ravennate -, mi piace molto. Quest'anno il campionato è stato molto combattuto e ciò rende il titolo ancora più emozionante, tanto onore va anche ai miei competitor”. Oltre ai complimenti del campione 2021, a Santanocita resta l'ottimo secondo posto, sia in stagione sia sul podio di casa, a conclusione di un'annata da grande protagonista, in pista e nelle vesti di direttore del Centro Porsche Latina, determinante fra i partner tecnici del Porsche Club GT. A Vallelunga il podio della Sparco GT è stato quindi completato dalla terza 911 GT3 3.8 al traguardo, quella di Giuseppe D'Agosto, pilota pugliese capace di togliersi una bella soddisfazione con il miglior risultato 2021 proprio all'ultimo round.

Duello fra due 911 GT3 4.0 nella Tubi Style GT3, dove il già campione 2021 Davide Zumpano ha concluso l'annata con l'en plein di vittorie dopo avere avuto la meglio sul rientrante driver siciliano Nicola Romania, autore di ottimi riscontri in un weekend complicato dalla pioggia nelle prove libere di sabato.

Trio scatenato, invece, in Panta GT4, nella quale ha sorpreso all'esordio Tazio Pieri. Il pilota livornese classe 1989 ha avuto la meglio sul bolognese vicecampione 2021 Enzo Formato in un adrenalinico “derby” fra Cayman, mentre al terzo posto ha concluso il pistard romano Massimo Valentini sulla 991 S, combattivo più che sul circuito di casa, dove ha fatto valere la sua grande esperienza.

A Vallelunga era infine al completo il parterre nella Entry level/Historic. E anche qui sorprese e duelli non sono mancati fino all'ultimo, quando il marchigiano Devid Vesprini ha potuto esultare per il primo centro stagionale colto al volante della 997 S. Il pilota di Civitanova Marche ha preceduto sul podio il torinese neo-campione Andrea Ruscica e l'esperto padrone di casa Claudio Terenzi (Boxster S), entrambi su Boxster, con quest'ultimo che in generale porta a tre il numero d piloti romani sul podio nel weekend capitolino, aggiungendosi a Santanocita e Valentini.