È stata interrotta dopo 38 giri la 500 Miglia di Daytona 2014, tappa d’apertura della NASCAR Sprint Cup Series. Un violento temporale ha infatti colpito il tracciato costringendo tutti i piloti a tornare in pit-lane. Due successive situazioni di allerta tornado hanno poi portato all’evacuazione degli spettatori in tribuna mentre i meccanici si piazzavano in posizione di emergenza nei rispettivi bilici. Le prospettive per una conclusione della corsa in giornata non sembrano essere rosee anche se, a tarda notte ora italiana della domenica (pomeriggio inoltrato in Florida), è ricominciato il procedimento di asciugatura dell’asfalto (nella foto). Per dare validità alla gara ai fini del campionato, dovrà essere completata la metà della distanza totale (100 giri). Al momento della sospensione, al comando c’era la Toyota di Kyle Busch. Poca fortuna per il rookie Kyle Larson (finito a muro) e per Martin Truex, il cui motore Chevy è andato in fumo. Da segnalare, nel corso della prima serie di soste, il curioso episodio che ha visto Matt Kenseth finire in testacoda in pit-lane fermandosi perfettamente nella sua piazzola, ma al contrario! Il team Gibbs, come se niente fosse, ha sostituito le gomme, fatto il pieno, e rimandato il pilota in pista senza violare alcuna regola. m.c.