Exploit dei piloti del team Penske, Will Power ed Helio Castroneves, nella doppia gara IndyCar sul circuito stradale cittadino di Detroit, che da tanti anni ha lasciato le vie urbane per approdare sulle stradine dell'isoletta di Belle Isle, in mezzo al Detroit River. Appena una settimana dopo Indianapolis i piloti dell'IndyCar non potevano trovare una pista così diversa dal catino dell'Indiana: tornantini, esse fra muretti e new jersey e asfalto senza grip e pieno di ondulazioni. In condizioni così particolari è affondato Ryan Hunter-Reay che aveva vinto Indy, e che qui per due volte si è qualificato all'ultimo posto ed ha chiuso con un 16° e un ritiro le due gare perdendo anche la testa della classifica. Chi ha dominato il week end è stato il pilota di Penske, Will Power che ha vinto la prima gara ed è giunto alle spalle del compagno di squadra Castroneves nella seconda. Nella prima Power ha regolato Rahal e Kanaan; nella seconda Castroneves – alla pirma vittoria stagionale - ha saputo gestire bene i sette giri sprint finali dopo l'ultima neutralizzazione e si è messo alle spalle appunto Power, poi Kimball che all'ultimo giro ha resistito agli attacchi di Hinchcliffe e Dixon. A gara finita per la gioia Castroneves ha dato spettacolo come solo lui sa fare, arrampicandosi stile Uomo Ragno sulle reti che dividono la pista dal pubblico, stavolta però imitato dai suoi meccanici come tanti altri “ragni”.