Denny Hamlin aveva quasi bisogno di un miracolo nel penultimo appuntamento della NASCAR 2018 a Phoenix. Sul corto triovale dell'Arizona, il pilota di casa Toyota ha messo a segno un eccellente finale di corsa comandando l'ultimo terzo delle ostilità e prendendosi di forza l'accesso alla finalissina di Homestead. Nonostante una bandiera gialla nelle fasi conclusive, Hamlin ha saputo mantenere le redini della sua leadership anche dopo la sosta che ne è scaturita, precedendo il compagno al team Gibbs Kyle Busch che invece ha avuto la meglio su Ryan Blaney del Team Penske. Per qanto riguarda l'accesso alla fase conclusiva, oltre a Hamlin è entrato lo stesso Kyle Busch, oltre a Martin Truex Jr e Kevin Harvick, vincitore delle due gare precedenti rispettivamente a Martinsville e Fort Worth. Saranno tre le Toyota di Joe Gibbs tra i quattro sfidanti.

Ad altri protagonisti sarebbe servito il successo per puntare alla sfida finale in programma in Florida. Uno su tutti Chase Elliott, nettamente il miglior portacolori del team Hendrick questa'anno. Purtroppo, il figlio d'arte al via con la Chevy numero 24 ha trovato ancora pessima fortuna, vedendo le barriere a causa di una gomma solamente al giro 165.

Tra i piloti esclusi anche il campione 2018, Joey Logano. Il pilota del team Penske ha terminato la gara nono, un risultato che - senza la vittoria di Hamlin - gli avrebbe potuto tranquillamente dare l'accesso alla sfida finale. Davvero un peccato, sia perché Logano avrebbe potuto tranquillamente accedere alla finale col suo nono posto (senza una vittoria di Hamlin), sia perché nelle prime due fasi di corsa aveva detto la sua con prestazioni ottime. Nel terzo e ultimo "stage" è invece stato fermato. Tra l'altro Logano sembrava anche tra i favoriti per il successo in gara prima di trovarsi penalizzato dal sottosterzo nello "stage" finale. 

Fuori dalla corsa al titolo, nonostante il quarto posto in gara, anche Kyle Larson con la prima Chevy del team Ganassi, così come Blaney. Buone prove a Phoenix per tutti i top-driver superstiti: per confermare il livello globalmente alto delle performance in gara, il fatto che solo 14 piloti hanno concluso a pieni giri.

L'ordine di arrivo della Bluegreen Vacations 500 di Phoenix

1 - Denny Hamlin (Toyota) – Gibbs - 312 giri
2 - Kyle Busch (Toyota) – Gibbs - 312
3 - Ryan Blaney (Ford) – Penske - 312
4 - Kyle Larson (Chevy) – Ganassi - 312
5 - Kevin Harvick (Ford) – Stewart/Haas - 312
6 - Martin Truex Jr (Toyota) – Gibbs - 312
7 - Erik Jones (Toyota) – Gibbs - 312
8 - Clint Bowyer (Ford) – Stewart/Haas - 312
9 - Joey Logano (Ford) – Penske - 312
10 - Brad Keselowski (Ford) – Penske - 312

Il campionato

1. Hamlin, Harvick, Truex, Busch 5000.