Non è la sua pista preferita, ma Denny Hamlin ha messo a frutto un bilanciamento vettura quasi perfetto sul circuito di Dover, nella prima delle due gare in programma questo weekend al Monster Mile. L'impianto del Delaware, temuto da tutti per la superficie in cemento difficilissima, e per le curve strette e inclinate, ha visto il team Gibbs e le Toyota Camry prevalere con un 1-2-3.

Hamlin, che aveva vinto i primi "stage" della gara, si è ritrovato al quinto posto dopo una sosta ai box al via della terza frazione, ma ha pazientemente riguadagnato la vetta. Il sorpasso decisivo, con otto passaggi alla conclusione, l'ha visto beffare Martin Truex Jr., in crisi con il grip delle gomme anteriori. La gara ha offerto un andamento lineare, con una sola vera caution, al 6° passaggio, per il contatto fratricida del team Ganassi tra Matt Kenseth e Kurt Busch. Le altre caution sono arrivate alla fine dei primi due stage e, di conseguenza, il ritmo è stato altissimo. Solo 12 vetture su 40 hanno concluso a pieni giri sotto il traguardo.

Nascar: sullo stradale di Daytona vince Elliott

La top 10

In terza posizione, alle spalle di Truex, ha trovato posto Kyle Busch, che pur avendo ancora mancato l'appuntamento con la vittoria è almeno riuscito ad uscire da una lunga serie di weekend sfortunati. Quarta e quinta posizione rispettivamente per Kevin Harvick e Chase Elliott. Il portacolori di Tony Stewart e Gene Haas ha recuperato dopo essere stato mandato fuori dai box con una ruota mal fissata, con conseguente doppio rientro, mentre il giovane pilota del team Hendrick ha pagato un leggero contatto che ha fatto sfregare una gomma contro il paraurti. Anche in questo caso è stato necessario intervenire.

Sesta piazza per Clint Bowyer, seguito da Jimmie Johnson, riuscito nel finale a riportarsi nelle prime posizioni. Il californiano, grazie anche al brutto weekend del giovane compagno di colori William Byron, ha agganciato la zona playoff. Ai margini della top-10 le prime due Ford di Penske, quelle di Joey Logano e Brad Keselowski, seguiti da un competitivo Ricky Stenhouse Jr. sulla Chevy del team JTG Daugherty.


L'ordine di arrivo della Drydene 311 a Dover:

1 - Denny Hamlin (Toyota Camry) – Gibbs - 311 giri

2 - Martin Truex Jr. (Toyota Camry) – Gibbs - 311

3 - Kyle Busch (Toyota Camry) – Gibbs - 311

4 - Kevin Harvick (Ford Mustang) – Stewart - 311

5 - Chase Elliott (Chevy Camaro) – Hendrick - 311

6 - Clint Bowyer (Ford) – Stewart - 311

7 - Jimmie Johnson (Chevy Camaro) – Hendrick - 311

8 - Joey Logano (Ford Mustang) – Penske - 311

9 - Brad Keselowski (Ford Mustang) – Penske - 311

10 - Ricky Stenhouse Jr. (Chevy Camaro) – JTG - 311


In campionato

1. Harvick 981; 2. Hamlin 881; 3. Keselowski 845; 4. Elliott 808; 9. Truex 803.