Dopo sette appuntamenti iniziali della stagione che avevano visto tutti trionfare piloti diversi, Martin Truex Jr è riuscito a ripetersi per primo nella Nascar 2021, dopo aver vinto nel round di Phoenix. Lo short-track di Martinsville (soprannominato "la graffetta" per la forma schiacciata) ha dato a Truex la ventinovesima vittoria in carriera premiando la sua capacità di posizionarsi bene, sfruttare il traffico e compensare così eventuali difficoltà tecniche.

Per lui è anche la terza affermazione nelle ultime quattro gare sul piatto circuito della Virginia, con il terzo trofeo che, da tradizione, è un orologio a pendolo. Chissà dove li mette?

Nascar: sullo sterrato di Bristol la spunta Logano

Posticipata alla domenica per la pioggia

Dopo aver lottato per buona parte della corsa al top nonostante un assetto non perfetto e problemi di trazione, particolarmente penalizzanti dove ci sono molti re-start, Truex ha avuto la meglio sul compagno al Joe Gibbs Racing Denny Hamlin. Presa la vetta, al termine di una lunga sfida, al giro 485 (su 500), si è involato verso il traguardo in scioltezza.

In una gara posticipata per pioggia dopo 42 giri al sabato e ripresa domenica, le caution per contatti e incidenti sono state tante. Ciò ha prolungato le ostilità, permettendo alle condizioni di modificarsi in relazione agli assetti pianificati il giorno prima. Hamlin stesso, dominatore di ben 276 giri, ha avuto problemi di sottosterzo nel finale, vedendosi beffare anche da Chase Elliott, con la prima Chevy di Hendrick, per la piazza d'onore. 

L'altro grande protagonista della serata, Ryan Blaney, ha perso le chance di vittoria dopo aver travolto un avvitatore lasciato in mezzo alla pit-lane portandoselo in pista. Il pilota della Ford e del Team Penske, che aveva vinto entrambi gli "stage" intermedi, è stato fatto ripartire dal fondo all'ultimo re-start. Ha recuperato fino all'undicesimo posto.

Maxi incidente tra Buescher e Busch

Quarto, alle spalle di Hamlin, ha terminato William Byron, protagonista di una prova positiva che l'ha visto anche lottare al vertice. Ha preceduto un altro dei suoi compagni in Hendrick, Kyle Larson. In sesta posizione Joey Logano, che come sempre si è distinto per l'aggressività facendo a ruotate e bussate con gli altri protagonisti.

Da segnalare, tra i tanti contatti, anche un maxi-incidente degno di un superspeedway. Al giro 386 sono state esposte le bandiere rosse. Chris Buescher ha rifilato una sportellata a Kyle Busch: entrambi si sono intraversati bloccando la pista e coinvolgendo molti rivali tra cui Alex Bowman e Brad Keselowski. In tutto sono state 15 le neutralizzazioni, per un totale di 105 giri, oltre un quinto di gara. Kyle Busch ha poi finito decimo dietro anche a Christopher Bell, Tyler Reddick e Kevin Harvick

Nascar 2021, la classifica

L'ordine d'arrivo della Blue Emu 500 di Martinsville, ottavo round della Nascar Cup Series:

1 - Martin Truex Jr (Toyota) - Gibbs - 500 giri

2 - Chase Elliott (Chevrolet) - Hendrick - 500

3 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 500

4 - William Byron (Chevrolet) - Hendrick - 500

5 - Kyle Larson (Chevrolet) - Hendrick - 500

6 - Joey Logano (Ford) - Penske - 500

7 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 500

8 - Tyler Reddick (Chevrolet) - Childress - 500

9 - Kevin Harvick (Ford) - Stewart-Haas - 500

10 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 500

Classifica piloti Nascar 2021

Così invece in campionato:

1. Hamlin 379;
2. Truex 303;
3. Logano 302;
4. Larson 280;
5. Blaney 272.