Gran vittoria di Kurt Busch anell’appuntamento della Nascar all’Atlanta Motor Speedway. Il pilota di Las Vegas ha centrato un successo importantissimo battendo il fratello minore Kyle, con cui ha duellato per tutta la durata della Quaker State 400. Poco più di una settimana dopo l'annuncio della vendita del team Ganassi al Trackhouse Racing, Busch ha conquistato un posto ai playoff per la nona stagione consecutiva, dando al suo team principal un’ultima opportunità per puntare al titolo. Ad aiutarlo, la migliore performance nel traffico anche grazie a delle gomme in migliori condizioni, e anche un piccolo ma importante assist del compagno di colori Ross Chastain, che gli ha lasciato libera la linea interna, agevolandolo nel sorpasso in occasione del doppiaggio. Kyle Busch ha commentato in maniera molto negativa la cosa nel dopo-gara, ma le immagini hanno mostrato come non ci sia stato nulla di scorretto o fuori dalle regole. Un ultimo tentativo, a sette giri dal termine, non è andato in porto, proprio per la maggiore efficacia nel traffico del vincitore con l'avvicinarsi di altri due doppiati, Joey Logano e William Byron. 

Successo storico

A far rimanere nella storia questo successo, anche il fatto che si tratti dell'ultimo sulla pista "old school" di Atlanta. Il velocissimo ovale della Georgia verrà infatti riconfigurato con nuove caratteristiche e un nuovo asfalto: quello attuale è durato 25 anni. Noto per la superficie dissestata che lo rende difficile alle alte velocità, ma che "apre" la possibilità di essere competitivi con diverse traiettorie, il tracciato ha da tempo iniziato a sgretolarsi, e nella gara di ieri ha causato una bandiera rossa per via di una grande buca da riparare sul rettilineo. 

Il resto della classifica

Tornando alla gara, Martin Truex Jr ha concluso terzo, comunque lontano dalla lotta decisiva e dal compagno di squadra in Joe Gibbs, mentre Alex Bowman per il team Hendrick ha preceduto la prima Ford del team Penske di Ryan Blaney. Sesto posto per Tyler Reddick, seguito dal campione Chase Elliott, in grado di recuperare due soste sbagliate ai box. In top-10 anche Christopher Bell, Matt DiBenedetto per il WoodBrothers Racing, e Brad Keselowski. Tredicesimo invece Denny Hamlin, penalizzato per un eccesso di velocità in corsia box. Hanno perso terreno nel finale Kyle Larson e Byron, che si sono trovati negli ultimi giri con gomme troppo consumate. Alla fine, Chastain ha terminato ventunesimo. Gara tranquilla in termini di contatti ed incidenti, a parte una toccata che ha coinvolto Cody Ware, Daniel Suarez e Ricky Stenhouse, e che ha tolto di mezzo gli ultimi due, in lotta per i playoff. 

L'ordine di arrivo della Quaker State 400 di Atlanta:

1 - Kurt Busch (Chevy) - Ganassi - 260 giri
2 - Kyle Busch (Toyota) - Gibbs - 260
3 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 260
4 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 260
5 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 260
6 - Tyler Reddick (Chevy) - Childress - 260
7 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 260
8 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 260
9 - Matt DiBenedetto (Ford) - WoodBros - 260
10 - Brad Keselowski (Ford) - Penske - 260