Dopo 5 ore di gara, è in testa l'Audi R8 Lms Ultra del team Wrt nella 24 Ore di Spa, quarto incontro della Blancpain Endurance Series.
Le vetture della Casa di Ingolstadt tengono sotto assedio la Bmw Z4 di Martin-Leinders-Palttala del Marc Vds, che è seconda ed è appunto seguita da altre tre R8 Lms Ultra, nell'ordine di Piccini-Rast-Stippler del team ufficiale Phoenix, di Bonanomi-Sandstrom-Vanthoor pure del Wrt e di Gullivert-Lunardi-Albuquerque del Saintloc.

Per ora la battaglia è comunque apertissima, almeno fra i primi quattro equipaggi, perché la Bmw del Marc Vds, benché a quanto pare ormai unica della Casa di Monaco in grado di lottare ancora per la vittoria, ha un equipaggio velocissimo, già con numerose vittorie alle spalle, ed è stata in testa per le prime quattro ore e quaranta minuti. Lauda-Kechele-Franchi, con l'analoga vettura del Vita4One, che inizialmente si trovavano in seconda posizione, sono infatti scivolati al 14° posto a causa di un primo pit stop un po' lungo e poi di uno sbaglio nella scelta delle gomme. In una gara che finora ha alternato condizioni di asciutto e pioggia, anche torrenziale, sono infatti passati dalle rain alle slick poco prima che tornasse a diluviare, e così sono dovuti tornare ai box per rimettere i pneumatici da pioggia. La Mercedes SLS Amg più competitiva di Bleekmolen-Cheng-Jans-Curtis del Black Falcon è invece uscita subito di scena per la rottura del cambio.

Ottima la quinta posizione assoluta e prima di classe Pro Am di Bertolini-Pier Guidi-Hommerson-Machiels con la Ferrari 458 dell'Af Corse. Questo equipaggio ha rimontato dalla 22ª posizione al via. Fra gli italiani, da evidenziare ancora Amos-Bonacini-Petrobelli-Hirshi con la 458 del Vita4One Italy, che sono 11esimi assoluti e quarti in Pro Am, e Giammaria.Cioci-Ide-Gerber e Cirò-Ardagna Perez-Brown-Vilander con le analoghe vetture dell'Af, che seguono a ruota e sono appunto rispettivamente quinti e sesti in Pro Am.

Tanti gli incidenti a causa dell'asfalto viscido per la pioggia. Il più pauroso è stato quello di Salini con la Porsche 997 Gt3 R del Rms, che ha sbattuto violentemente a Blanchimont ed è stato portato all'ospedale di Verviers per controlli. Assurdo, invece, l'incidente che ha messo fuori gioco per la vittoria la R8 Lms Ultra di Lotterer-Kristensen-Fassler, che insieme contano in totale 12 vittorie alla 24 Ore di Le Mans: dopo appena un'ora di gara, Christodoulou con la McLaren Mp4-12c del Lapidus ha tagliato brutalmente la strada a Lotterer per rientrare ai box, una toccata è stata inevitabile e sull'Audi si è rotta la sospensione anteriore di sinistra.

Marco Ragazzoni