Toyota in prima fila alla 6 Ore WEC del Bahrain

Toyota in prima fila alla 6 Ore WEC del Bahrain
Bruni e Fisichella in lizza per il titolo GT, ma separatamente con Vilander e Kobayashi

Redazione

29 novembre 2013

La Toyota ha conquistato la prima fila dello schieramento di partenza della 6 Ore del Bahrain, ottava e ultima gara del Mondiale Endurance. A firmare la pole - i tempi vengono stabiliti considerando i due migliori tempi fatti registrare da ciascuno dei 2 piloti dell'equipaggio designati per le qualifiche e facendo quindi la media di questi quattro crono - è stata la coppia Wurz-Nakajima, alla media di 1'42"449. Ad aver fatto la differenza è stato in particolare il giapponese che, ereditato il volante dall'austriaco ed entrato dunque in pista con pneumatici non più freschi, ha ugualmente girato su tempi molto vicini a quelli del compagno di squadra. Dietro di loro, con l'altra Ts030 Hybrid si sono piazzati Davidson-Sarrazin, mentre la seconda fila è stata occupata dalle Audi con le etron Quattro nell'ordine di Lotterer-Fassler e Duval-McNish. Le quattro vetture sono comunque raccolte in 7/10 di secondo, per cui la lotta per la vittoria in gara si preannuncia apertissima. In Lmp2 è stata una squadra a connotazione italiana a svettare: il Pecom Racing gestito dall'Af Corse. La sua pole di classe alla media di 1'50"941 è arrivata grazie a Minassian-Kaffer, con il francese, in particolare, che è entrato per primo in pista e ha siglato due tempi inavvicinabili. In Gte Pro ha dominato la Porsche, grazie alle 991 Gt3Rsr che sono state messe in pista, per la prima volta, già in configurazione "evo" 2014. Anche la Casa di Weissach ha messo a segno un 1-2, nell'ordine con Lieb-Lietz (1'58"833) e Bergmeister-Pilet. In questo caso, la differenza è stata fatta da Lietz, unico ad aver girato sul piede del 1'58"0. Dietro le due vetture tedesche si è piazzata l'Aston Martin Vantage V8 di Turner Mucke. Solo il quarto tempo per la prima delle Ferrari, quella di Bruni-Vilander. In questa occasione la Casa di Maranello, che si sta giocando il titolo Piloti e il Team, grazie all'Af Corse, ha deciso ripartire su due vetture il suo equipaggio meglio piazzato in classifica: Bruni e Fisichella, a 5,5 punti dal leader Mucke-Turner, sono stati appunto separati e gli sono stati affiancati rispettivamente Vilander e Kobayashi; in questo modo, si spera di poter avere una doppia chance di stare davanti all'equipaggio della Casa inglese ed aggiudicarsi i due titoli. Intanto, poco prima delle qualifiche, la Porsche ha annunciato che il prossimo anno sarà ancora presente ufficialmente nella classe Gte Pro del Mondiale Endurance con due vetture gestite di nuovo dal team Manthey. L'annuncio era particolarmente atteso in quanto, poiché il prossimo anno la Casa di Weissach rientrerà nella classe top Lmp1 dei Prototipi con due vetture in fase di sviluppo, si temeva che potesse "tagliare" il programma in Gran Turismo. Invece, li gestirà appunto entrambi in veste ufficiale. Marco Ragazzoni

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi