LE MANS - Con l’Audi 7 già scivolata nelle retrovie in classifica per la sostituzione del turbo che ha costretto Lotterer a perdere 7 giri, poi successivamente anche Treluyer subentrato al tedesco ha sofferto problemi idraulici, la grande sfida è tra la Porsche di un eccezionale Hartley e la Toyota di un altrettanto convincente Conway separati da una decina di secondi, poi l’altra Audi di Duval a una trentina di secondi dal leader. Tutto si sta giocando sui pit-stop dopo un inizio piuttosto coinvolgente con bei duelli tra i suddetti protagonisti. 

Nella classe LMP2 sta dettando legge il team Manor con un Merhi che con la Oreca riesce a fare la differenza lasciando a distanza di sicurezza Bradley del G-Drive. Bel confronto nella GTE-Pro dove purtroppo la Ferrari AF Corse ben condotta da Calado, dopo il pit-stop che ha portato Bruni al volante, ha subito incontrato problemi all’alternatore. La “partita” se la sono giocata a viso aperto Westbrook con la Ford e Fisichella con la 488. L’ex F.1 prima ha raggiunto e superato Calado, poi si è lanciato su Westbrook riuscendo a passare al comando. Il romano ha poi lasciato il volante a Vilander che tiene la prima posizione davanti alla GT40 di Briscoe.

24 Ore di Le Mans: la gara in diretta