BARCELLONA - Ha tenuto le emozioni più forti per il finale la gara d’esordio stagionale della GP2 Series, che ha visto il successo del ventitreenne driver francese della Racing Engineering Norman NatoLa manche è stata quasi integralmente dominata dal poleman della Prema Pierre Gasly, a lungo inseguito dalla coppia composta dallo stesso Nato e da Sergey Sirotkin. Il pilota russo della ART è però finito in testacoda dopo aver provato a sopravanzare il rivale, poco prima di effettuare il pit-stop. 

La cronaca delle qualifiche

La corsa è stata neutralizzata per rimuovere la vettura del team francese. Al restart, Nato è stato fulmineo nel sorprendere il connazionale e prendere la leadership della corsa. Gasly è poi andato in evidente difficoltà dopo aver montato le gomme soft ed è stato scavalcato anche dal canadese della DAMS Nicolas Latifi. Il pilota del team veneto ha mantenuto la terza piazza anche grazie a un contatto tra Antonio Giovinazzi e Raffaele Marciello, al quale è seguito un ulteriore intervento della safety car.  La manovra del pugliese, che ha urtato il rivale, è sotto investigazione da parte degli stewards, che hanno comunque congelato la classifica al giro precedente, con l’alfiere della Russian Time ottavo davanti al connazionale. La quarta posizione è andata al convincente russo Artem Markelow. Ottimo il recupero di dieci posizioni del madrileno Sergio Canamazas, che ha chiuso al quinto posto precedendo Lynn, in difficolta con una gomma al pit-stop. Decima posizione per lo svedese della Rapax Gustav Malja. Sfortunata la gara di Luca Ghiotto, colpito da un detrito e costretto a uscire nella sabbia nel corso del primo giro.