Terzo centro stagionale per Antonio Giovinazzi, che non saliva sul gradino più alto del podio dall’appuntamento di Baku (quando era stato autore di una rimonta strepitosa). Il driver della Prema Racing, scattato dalla terza posizione in griglia, nel corso dell’ottavo giro è stato protagonista di un ottimo sorpasso all’esterno sul pilota svedese del Team Rapax Gustav Malja, grazie al quale ha conquistato la leadership della corsa. Una volta preso il comando della manche, il ventiduenne di Martina Franca ha subito conquistato un adeguato margine che gli ha consentito di porsi al riparo dagli attacchi dei rivali.

Alle spalle del pilota pugliese, un ottimo Malja ha mantenuto la seconda posizione, riuscendo a difendersi dagli attacchi di Luca Ghiotto e Pierre Gasly, che sul finale ha sopravanzato Raffaele Marciello. Il pilota del Team Trident, che nel corso del primo giro aveva provato ad attaccare Giovinazzi, ha accusato un lieve problema di degrado agli pneumatici che non gli ha consentito di insidiare Malja fino al termine. Raffaele Marciello non ha commesso errori e si è ben difeso dagli attacchi del compagno di squadra alla Russian Time Artem Markelov nella prima parte di gara, prima di cedere all’attacco di Pierre Gasly.

Il ventenne di Rouen aveva danneggiato l’ala anteriore della sua Dallara in un contatto con Oliver Rowland nel corso del primo giro, ma è comunque riuscito a sfiorare il podio. In ombra Sergey Sirotkin, che nel finale ha colpito il connazionale Artem Markelov. I britannici Alex Lynn, Jordan King e Oliver Rowland hanno chiuso la zona punti.

In classifica generale, il terzo successo stagionale consente al rookie Antonio Giovinazzi di riavvicinarsi al compagno di scuderia Pierre Gasly. Soltanto diciassette punti separano i due alfieri della Prema Racing al vertice della graduatoria. Terza posizione per Raffaele Marciello, distanziato di nove punti da Giovinazzi.  Il prossimo fine settimana si ricomincia a Monza!