La Targa Florio alla vigilia della centesima edizione è tante cose. Volti, nomi, ere, personaggi, auto da urlo, tracciati, formule e sogni. E anche Autosprint rende omaggio alla più antica e alla più bella delle corse con un supplemento speciale di 32 pagine - che va ad aggiungersi al numero del settimanale regolarmente in edicola -, proponendo un’affascinante commistione tra presente e passato. Siamo tornati sulle strade della Targa col più mitologico dei suoi personaggi, il Preside Volante Nino Vaccarella, intervistandolo su tutta l’era agonistica più esaltante della competizione, sublimatasi con le sfide tra prototipi negli Anni ‘70. Quindi abbiamo interpellato altri nomi forti della gara, quali Arturo Merzario, Sandro Munari e Cesare Fiorio, vincenti, rispettivamente nell’abitacolo e dal muretto, nell’indimenticabile edizione 1972, con la Ferrari 312 PB. E non finisce qui. Abbiamo girato le Madonie per visitare e recensire tuti i musei dedicati alla corsa, andando anche a intervistare, sulla strada per Cefalù, “Ciccio” Liberto, l’uomo che da cinque decenni produce calzature per campioni, dalla Targa in poi. Quindi vi proponiamo tutto quello che c’è da sapere sul “Piccolo” delle Madonie, con notizie sul tracciato e indicazioni, date e orari sulle rievocazioni che avranno luogo - nella versione “Historic” - dal 5 all’8 maggio, per rendere la centesima edizione della gara leggendaria quant’è la sua intera storia. Infine, per gli appassionati amanti del vintage di livello, riproponiamo estratti delle cronache dell’epoca tratti dai numeri di Autosprint delle edizioni 1970, 1971, 1972 e 1973 della Targa, quelle del culmine all’interno del Mondiale prototipi. Un viaggio esclusivo nello spazio e nel tempo, in onore della Targa e del suo creatore, Vincenzo Florio, che con essa e in essa cambiò la storia delle corse, a partire dalla prima edizione del 1906. Un Autosprint speciale (da mercoledì 27 aprile in edicola), quindi, per una ricorrenza specialissima dedicata a una gara unica. Mario Donnini TARGA FLORIO