MONACO - Questo pomeriggio a Gap, con lo shakedown di 3,35 km che ha preso il via alle ore 16 è iniziata l'era delle nuove Wrc Plus. Le nuove vetture sono più veloci e spettacolari delle precedenti Wrc, dotate di forme e profili alari nettamente più aggressivi, di un motore di oltre 50 cavalli più potente ed anche di un differenziale centrale elettronico. Il miglior tempo nello shakedown lo ha staccato manco a dirlo il tetracampione del mondo Sebastien Ogier, che ha così esordito nel modo migliore sulla Ford Fiesta Wrc staccando un crono di 2'18"1. Alle sue spalle a sorpresa si è piazzato Andreas Mikkelsen sulla Skoda Fabia R5 staccato di 4"2, mentre terzo ha chiuso Ott Tanak (Fiesta) a 6"1 con Jari-Matti Latvala (Toyota) quarto a 7"1 e Hayden Paddon (Hyundai) quinto a 7"7.

 Da segnalare che il direttore di corsa ha autorizzato l'utilizzo di gomme chiodate, vista la presenza di ghiaccio sulla speciale, ma tutti i top drivers hanno preferito utilizzare pneumatici slick. Inoltre sia Ogier che Mikkelsen sono passati per primi sulla speciale, che poi si è man mano sporcata. Quanto alla Citroen, le C3 erano fuori dalla top ten perché Meeke non ha preso alcun rischio facendo segnare tempi alti, così come il suo coequipier Lefebvre.

 

LA GARA Per sapere chi tra Citroen, Hyundai, MSport e Toyota ha lavorato meglio in questi mesi dovremo quindi aspettare domani sera, quando all’ora di cena verranno fuori i tempi della prima speciale di Entrevaux-Ubraye di 21,25 km (trasmessa in differita da FOX Sports alle ore 22.45). Sempre in notturna seguirà poi il crono di Bayons (25,49 km) che chiuderà la prima semitappa della prova monegasca il cui arrivo a Gap è previsto a notte fonda dopo 46,74 km cronometrati alle ore 23.52. La seconda giornata di venerdì (Gap-Gap) prevederà invece ben 160,80 km cronometrati suddivisi in 6 speciali, poi la gara continuerà sabato 21 con la terza tappa Gap-Monaco, lunga 121,39 km cronometrati. Per terminare domenica 22 ci sarà la tappa finale di soli 53,72 km cronometrati con lo storico crono del Turini, che nel secondo passaggio sarà la power stage della gara trasmessa in diretta da FOX Sports. In totale sono 17 le prove speciali in programma per complessivi 382,65 km cronometrati.

75 AL VIA. Sono 75 le vetture iscritte all’85° Rally di Montecarlo con ben 10 Wrc Plus al via, vale a dire 2 Citroen C3 Wrc (affidate a Meeke e Léfébvre), 3 Ford Fiesta della MSport (con al volante Ogier, Tanak ed Evans), 3 Hyundai i20 (pilotate da Neuville, Paddon e Sordo) e 2 Toyota Yaris (quelle di Latvala e Hanninen). Nel Wrc 2 spicca la presenza di Andreas Mikkelsen sulla Skoda Fabia R5 ufficiale, affiancato sull’altra Fabia ufficiale dal céco Kopecky, e da quella privata del tedesco Kremer, mentre lo svedese Tidemand risulta iscritto dalla Skoda alla gara ma non al Wrc 2.

Gli outsider di spicco saranno i francesi Camilli e Bouffier su Ford Fiesta R5, mentre la Hyundai i20 R5 di Kevin Abbring, iscrittasi last minute, non partecipa al Wrc 2. Fabio Andolfi, il cui programma nel campionato satellite inizierà solo ad aprile al Tour de Corse, sarà in gara nella classe GT con una 124 Abarth con i colori di ACI Team Italia, mentre altre sue 124 saranno affidate a François Delecour e Gabriele Noberasco, che dovranno vedersela contro la Porsche di Dumas. Tra gli altri italiani al via Max Rendina ha dato forfait per un infortunio, mentre sono iscritti al Wrc 2 il campione tricolore Giandomenico Basso ed Andrea Crugnola (entrambi su Ford Fiesta R5), mentre il campione in carica Junior e Wrc 3 Simone Tempestini (Citroen Ds3 R5) risulta iscritto alla corsa monegasca ma non al Wrc 2. 

Infine nel Wrc 3 saranno della partita Brazzoli (Peugeot 208 R2) e Panzani (Renault Clio RS), mentre gli altri piloti della pattuglia tricolore iscritti alla prova del Principato sono Covi, Someda, Marsic e Marenco (tutti e tre su Peugeot 208).

Fare clic e trascinare per spostare