Poteva trasformarsi in tragedia, ma fortunatamente così non è stato. L'inicidente al Rally di Montecarlo ha fatto venire i capelli dritti a tutti gli spettatori visto che Ott Tänak, campione in carica del Mondiale Rally passato dalla Toyota a Hyudai, e il suo navigatore Martin Järveoja sono stati vittime di un ribaltamento spaventoso. 

La seconda delle tre tappe nel Principato di Monaco è stata molto sfortunata per i due piloti Hunday, costretti al ritiro durante la quarta prova speciale, dopo aver commesso uno spaventoso errore che ha portato alla distruzione fuoristrada della i20. Nonostante il violento impatto, Tänak e Järveoja sono usciti illessi e con le proprie gambe dalla vettura, nonostante per precauzione siano stati portati d'urgenza all'ospedale di Gap. 

WRC 2020: il calendario completo

Incidente Tanak a Montecarlo: "Colpa dei bump e dell'alta velocità"

Nonostante lo spavento Tanak è riuscito subito a ricostruire e a spiegare la dinamica del violento impatto: "L'incidente è stato causato da alcuni bump, alcune compressioni che nelle ricognizioni non avevamo riconosciuto come tali. Siamo arrivati un po' troppo veloci e dopo la prima compressione eravamo fuori traiettoria. Poi abbiamo avuto la seconda e siamo usciti di strada ad alta velocità.

Impossibile non notare quanto si siano alzati gli standard di sicurezza delle moderne auto che corrono in WRC e che hanno salvato la vita ancora una volta: "Tutta la nostra attrezzatura di sicurezza ha fatto bene il proprio lavoro, dunque siamo felici di essere qui senza guai fisici. Non ho mai vinto a Monte-Carlo e ora abbiamo iniziato così. Le cose sono queste. Ora però abbiamo bisogno di riordinare le idee e tornare a correre".

Ecco il video diffuso sul canale ufficiale YouTube del Mondiale Rally WRC: