Andolfi attacca a Cefalù e vola in testa alla Targa Florio

Andolfi attacca a Cefalù e vola in testa alla Targa Florio

Il pilota ligure, sull'asfalto bagnato, vince di forza la seconda prova speciale della giornata e comanda la classifica provvisoria. A Crugnola i punto della Power Stage

Daniele Sgorbini

6 maggio

Una prova speciale a testa: l'inizio del Rally Targa Florio, terzo atto del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco 2022, ha riproposto il duello che ha animato il Sanremo, mettendo a confronto Andrea Crungola e Fabio Andolfi.

Il primo, al volante della Citroen C3 Rally 2 gommata Pirelli, ha iniziato la trasferta siciliana con il piede giusto, vincendo la bagnatissima Power Stage intitolata alla memoria di Nino Vaccarella e mettendo in carniere - per la terza volta in altrettante gare - i punti in palio per il più lesto nella prova televisiva. Da Fabio Andolfi è però arrivata una replica tanto decisa quanto perentoria nella seconda frazione di gara, lungo i 14,75 km della prova di Cefalù.

Sull'asfalto ancora zuppo di pioggia, il ligure ha sfruttato alla perfezione le proprie Michelin, stampando un tempo davvero impressionante: 9'58"3 contro i 10'07" del rivale. Per Crugnola, che ha affrrontato per primo la strada, un crono alto, che gli è valso "appena" il quinto parziale in prova speciale.

Dopo due prove la lotta è comunque molto serrata, con Crugnola, Basso e De Tommaso a giocarsi la seconda piazza, divisi da appena 7 decimi di secondo.

La prima giornata di gara si chiuderà con il secondo passaggio sulla Cefalù. Domani il resto, con altre 9 prove speciali di una gara già importantissima per la classifica del Tricolore, visto il coefficiente maggiorato. 

La classfica della 106 Targa Florio dopo due prove speciali: 1. Andolfi-Fenoli (Skoda Fabia) in 11'24"8; 2. Crugnola-Ometto (Citroen C3) a 7"2; 3. Basso-Granai (Hyundai i20) a 7"7; 4. De Tommaso-Ascalone (Skoda Fabia) a 7"9; 5. Profeta-Merendino (Skoda Fabia) a 13"9.

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi