Quarto crono dopo la prima giornata, quarto crono al termine della seconda, per Fernando Alonso nel Al Ula-Neom Rally in Arabia Saudita.

Prova speciale su 210 km cronometrati, bis del terreno scoperto mercoledì, con Fernando a mettere da parte i chilometri accumulati senza contrattempi piuttosto che la prestazione.

Leggi anche: F1, test Pirelli al Paul Ricard con McLaren

“La prima speciale qui in Arabia Saudita è stata ok, senza problemi stavolta e abbiamo completato i 210 km, devo ancora trovare del ritmo nei prossimi giorni, però volevamo davvero una giornata senza difficoltà dopo il Marocco e il Sud Africa, e l’abbiamo avuta”.

L’obiettivo era di incrementare il passo nella seconda tappa, conclusa a 7’35” dalla Toyota di Al-Rajhi-Zhiltsov, stavolta Alonso-Coma sono stati rallentati da una foratura. “Seconda giornata in Arabia Saudita, ancora quarta posizione e un passo migliore rispetto a ieri. Sono contento, grazie Marc Coma e il team, ancora due giorni da correre”, ha aggiunto Alonso sui social al termine della frazione.

F1: Hamilton-Verstappen, tregua verbale

“Una tappa simile a quella di ieri, ho potuto spingere un po’ di più e andare più veloce, perché conoscevo meglio il terreno. Sono soddisfatto soprattutto della prima parte della tappa, dove eravamo 8” dietro di Yazeed. Ho avuto una foratura però avevo maggior fiducia rispetto a ieri.

Domani la tappa sarà nuova per tutti e mi toccherà imparare nuovamente”.