Dakar 2022: De Villiers vincitore di giornata, è tripletta Toyota

Dakar 2022: De Villiers vincitore di giornata, è tripletta Toyota© M.Maragni/Red Bull

Distacchi minimi su una prova speciale corta, intorno a Wadi Ad Dawasir, che premia il pilota Toyota. Cancellata la penalità di 5 ore per l'incidente con il motociclista: il Sentinell non ha funzionato correttamente

Fabiano Polimeni

8 giorni fa

Giornata senza scossoni, quella conclusa alla Dakar. La nona tappa, un anello intorno a Wadi Ad Dawasir, si decide con distacchi minimi all'arrivo della prova speciale da 287 km.

Dopo il "menu fisso" dei giorni scorsi, a proporre dune e sabbia sul percorso, breve intermezzo tra le tracce sulle montagne. È una giornata dominata da Toyota, che piazza tre Hilux T1 ai primi tre posti e, con Al  Attiyah-Baumel, mette ancora 1 minuto nella generale sugli inseguitori Loeb-Lurquin.

De Villiers "scagionato" dal secondo incidente

Vincono De Villier-Murphy a Wadi Ad Dawasir, momento da segnare in una Dakar 2022 iniziata con il recupero in extremis dal Covid-19 che ha colpito il pilota sudafricano prima di partire alla volta di Jeddah. In gara, poi, qualche episodio controverso, come l'incidente con la moto di Ali Oukerbouch, distrutta in un passaggio dietro una duna. Episodio, il secondo dopo un primo costato 5 minuti di penalità, sul quale il ricorso Toyota è stato accolto, la penalità di 5 ore cancellata e riconosciuto il malfunzionamento dell'alert che avrebbe dovuto emettere il sistema Sentinell con largo anticipo per avvisare navigatore e pilota della presenza della moto in terra.

Sul filo dei secondi

Tappa che parte con Lategan e Cummings a dettare il ritmo, inseguiti prima da Al Attiyah, poi brevemente da Peterhansel, per poi trovare sula strada le prestazioni di De Villiers, in testa dal terzo punto di controllo al km 118 della speciale odierna, con 10" su Loeb.

È nella seconda metà della speciale che si sono aperti i distacchi, come quello tra De Villiers e Loeb e tra l'alsaziano e Al Attiyah. Chiude al quinto posto l'equipaggio sul buggy iscritto da BRX, alle spalle di un'Audi che corre bene ancora una volta con Ekstrom-Bergkvist. Loeb incappato in una multa per aver perso ieri la ruota di scorta e non averla recuperata.

Sainz e Cruz arrivano un po' più attardati, a 2'48" in sesta posizione, poi Peterhansel-Boulanger, ottavi a 3'45". 

Generale quasi invariata

Nella classifica generale non cambia granché, se non per il rientro nella top-5 di De Villiers-Murphy, dopo la cancellazione della penalità. La Toyota del sudafricano è quinta a un'ora e 45 minuti, davanti ha Terranova-Olivares e, più distanziato, a 47 minuti, il Toyota Hilux di Al Rajhi-Orr. Oggi giunti con 6'35" dal vincitore.

Domani il chilometraggio tornerà a essere importante, 375 km di prova speciale da Wadi Ad Dawasir a Bisha, caratterizzati da un percorso molto veloce. 

Classifica prova speciale

  1. De Villiers-Murphy (Toyota) - 2h23'08"
  2. Lategan-Cummings (Toyota) +9"
  3. Al Attiyah-Baumel (Toyota) +1'04"
  4. Ekstrom-Bergkvist (Audi) +2'07"
  5. Loeb-Lurquin (BRX) +2'11"

Classifica generale PS9/12

  1. Al Attiyah-Baumel (Toyota) 30h10'04"
  2. Loeb-Lurquin (BRX) +39'05"
  3. Al Rajhi-Orr (Toyota) +58'44"
  4. Terranova-Oliveras (BRX) +1h36'
  5. De Villiers-Murphy (Toyota) +1h45'

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi