MONTECARLO – “La voie est libre”, la strada è libera, titolava L’Equipe. Un segnale chiaro che la lotta per la successione a Loeb si è già aperta. Ma il campionissimo francese nel Montecarlo più innevato dell’ultimo quarto di secolo, tanto che spesso sembrava di essere in Svezia, ha dimostrato che la sua decisione di ritirarsi dai rally è stata forse prematura...

Potete leggere l'articolo completo sul numero 3 di Autosprint