Da Karlstad: Marco Giordo Arriva lo “Swedish Rally”, il secondo appuntamento iridato della stagione, la prova preferita dagli specialisti di neve e ghiaccio. Una gara nella quale per le sue caratteristiche i piloti scandinavi hanno trionfato quasi sempre, tant’è che solo Loeb nel 2004 sulla Citroen XSara Wrc ed Ogier due anni fa sulla VW Polo Wrc hanno interrotto questo dominio incontrastato. Assente Mikko Hirvonen, ritiratosi alla fine del 2014, la scuola nordica affida quest’anno le sue speranze a tre piloti, Jari-Matti Latvala (Volkswagen), Mads Ostberg (Citroen) ed Andreas Mikkelsen (Volkswagen). Il finlandese Latvala è il favorito numero uno per la vittoria finale, dato che da queste parti ha già vinto tre volte. I norvegesi Ostberg e Mikkelsen saranno invece i grandi outsider, entrambi arrivano sulle nevi di casa dopo unbrillante Rally di Montecarlo, e puntano ora a fare bottino pieno. Ostberg si è preparato bene, correndo in Norvegia sulla neve nei week end precedenti la gara prima il Rally Hadeland e poi il Finnskog. Mikkelsen viene invece da un insperato terzo gradino del podio ottenuto a Montecarlo. E dopo la splendida prima tappa della scorsa edizione, e con qualche migliaio di km in più sulle spalle alla guida della Polo, cercherà di dare il massimo per vincere. E’ questa infatti per lui l’occasione più ghiotta dell’intera stagione per cogliere la sua prima vittoria iridata.

49 AL VIA

Sono 49 gli equipaggi che prenderanno parte al Rally di Svezia, nei quali tra le Wrc in gara spicca anche quella del nostro Lorenzo Bertelli (Ford Fiesta Wrc). C’è poi da segnalare il forfait dell’ultimora di Dani Sordo, che per una caduta dalla mountain bike si è incrinato due costole, e verrà sostituito dall’olandese Abbring. Inoltre in casa Hyundai c’è anche da evidenziare il ritorno del neozelandese Hayden Paddon. Non sarà invece al via per motivi di budget Juho Hanninen, che doveva correre su una Citroen Ds3 Wrc, mentre l’ucraniano Yurii Protasov ha deciso all’ultimo momento di sostituire la Ds3 Wrc della D-Max Racing con una Ford Fiesta Wrc della MSport. Nel Wrc 2 sarà al via il leader del campionato Lefebvre (Citroen Ds3 R5) che dovrà vedersela sulle nevi svedesi con tre ossi duri come Grondal (Citroen Ds3 R5), Ketomaa e Tidemand (entrambi su Ford Fiesta R5). Sono iscritti nel Wrc 2 alla gara svedese tre piloti italiani, vale a dire Max Rendina (Mitsubishi Lancer Evo X), vincitore lo scorso anno della Production Cup, Gianluca Linari (Subaru Impreza) ed Edoardo Bresolin (Ford Fiesta R5) tutti al loro esordio stagionale. Altro equipaggio tricolore al via sarà quello composto da Simone Tempestini (che corre con licenza rumena) e Matteo Chiarcossi su Subaru Impreza. Infine tra le 58 vetture storiche iscritte alla prova svedese spicca anche quest’anno la presenza di Petter Solberg e la moglie Pernilla su Ford Escort MK2.

21 LE SPECIALI IN PROGRAMMA

Sono 21 le prove speciali in programma nel Rally di Svezia, per un totale di 309,68 km cronometrati. Confermata la sede del parco assistenza all’aeroporto di Hagfors, 80 km a nord di Karlstad, la gara inizierà domani mattina con lo shakedown di Rada, poi in serata la corsa prenderà il via con la classica superspeciale ricavata nell’ippodromo di Karlstad lunga 1,90 km. Venerdì ci sarà poi la prima tappa di 126 km cronometrati ambientata prima in Svezia a Torsby (15 km) e poi in Norvegia a Rjoden (19 km), Finnskogen (21 km) e Kirkenaer (7,16 km). Da notare che non essendo previsto quest’anno in base al nuovo regolamento il remote service, a Kirkenaer i piloti a metà giornata effettueranno solo rifornimento e cambio gomme.