da Hagfors (Svezia): Marco Giordo La seconda parte della seconda tappa del Rally Sweden è stata davvero entusiasmante, perché si è conclusa con l’inaspettato sorpasso finale in testa alla corsa di Neuville ai danni di Mikkelsen. Il pilota della Hyundai è stato davvero bravo a recuperare nelle quattro speciali pomeridiane i 12"4 che lo separavano dal norvegese della VW, e così domani si giocherà allo sprint la vittoria finale contro lo stesso Mikkelsen staccato di 1”5 e con Ogier terzo incomodo a 9”6. Quella di domani sarà una tappa corta di soli 46 km cronometrati, con due passaggi sui crono di Lesjofors (15 km) e Varmullsasen (15,87 km), con quest’ultimo che fungerà da power stage e verrà trasmesso in diretta su FOX Sports 2 alle ore 12. Bene Kubica che sulla Fiesta della AStyle ha fatto segnare per tutta la giornata tempi migliori di quelli dei piloti ufficiali di Wilson, vincendo tra l’altro anche il crono corto di Hagfors Sprint, mentre Latvala dopo i problemi patiti ieri ha chiuso 17° ed ormai è motivato solo a prendere punti nella power stage. Fermo Bertelli, innevatosi stamattina, tra gli italiani il migliore è Simone Tempestini che è 28° assoluto ed è in testa al Produzione. Questa la classifica del Rally di Svezia alla fine della seconda tappa: 1. Neuville (Hyundai), 2h 29m 54.5s 2. Mikkelsen (VW) +1.5s 3. Ogier (VW) +9.6s 4. Ostberg (Citroen) +53.4s 5. Tänak (Ford) +1m 29.2s 6. Paddon (Hyundai) +2m 35.7s 7. Prokop (Ford) +3m 03.1s 8. Evans (Ford) +3m 22.1s 9. Meeke (Citroen) +3m 22.5s 10. Protasov (Citroen) +4m 19.6s ... 16. Kubica (Ford) +8m 51.5s 17. Latvala (VW) +9m 01.1s Mikkelsen

Mikkelsen resiste nella prima metà di tappa

È stato ricco di colpi di scena l'inizio della seconda tappa del Rally Sweden, perché dopo le quattro speciali sinora disputate Ogier ha ridotto a 1"7 il suo distacco da Mikkelsen, con Neuville ottimo terzo a 12"4. Il leader della corsa si è aggiudicato la prima speciale, poi si è innevato perdendo preziosi secondi sia sulla seconda prova di Rammen che soprattutto sull'ultima di Vargasen. E così uno scatenato Ogier si è aggiudicato di fila le altre tre speciali del mattino recuperando 23" sul norvegese, ed ora è nuovamente in lotta per la vittoria finale. "Sarà più difficile guidare nel pomeriggio - ha detto il francese della VW - perché dopo il passaggio delle vetture storiche le prove saranno rovinate, ed il fatto che Bertelli si sia fermato a Vargasen non mi aiuta, visto che lui questa mattina passando per primo mi puliva la strada". Bene Kubica che sulla Fiesta della AStyle ha fatto segnare tempi migliori di quelli dei piloti ufficiali di Wilson, mentre Latvala ha perso altri secondi importanti innevandosi a Vargasen. Nel pomeriggio ci sarà il secondo passaggio sulle classiche speciali di Fredriksberg (18,15 km), Rammen (22,76 km), Hagfors Sprint (1,87 km) e Vargasen (24,63 km). Questa la classifica del Rally di Svezia a metà della seconda tappa: 1. Mikkelsen (VW), 1h 52m 08.3s 2. Ogier (VW) +1.7s 3. Neuville +12.4s 4. Ostberg +51.2s 5. Tänak +1m 27.0s 6. Paddon +2m 23.4s 7. Prokop +2m 36.0s 8. Evans +3m 23.1s 9. Meeke +3m 35.2s 10. Protasov +3m 46.1s ... 21. Kubica +8m 00.4s 23. Latvala (VW) +8m 52.2s