L’annuncio tanto atteso è finalmente arrivato, Ogier correrà nel 2020 con la Toyota. Perché che Sébastien avesse già firmato con la squadra diretta da Tommi Makinen era diventato ormai un segreto di Pulcinella. Il sei volte campione del mondo ha siglato il suo accordo per una stagione con il team giapponese, che ha puntato su una line-up di prim’ordine, composta dal campionissimo francese, da un talento pronto ad esplodere qual è Elfyn Evans (che sarà sempre navigato da Scott Martin), e dall’énfant prodige del momento Kalle Rovanpera (al cui fianco ci sarà ancora Jonne Halttunen).

Citroën Racing lascia il mondiale Rally

Sia Evans che Rovanpera hanno firmato per due anni, mentre il primo contatto con la Yaris Wrc Plus di Ogier e del suo navigatore Julien Ingrassia ci sarà invece nei test pre Montecarlo in programma a metà dicembre sulle Alpi francesi.

Tra due caratteri forti come Ogier e Makinen non sarà facile coesistere nella stagione 2020, ma le vittorie come spesso è successo appianeranno tutto. Ogier punta infatti a regalare subito alla squadra giapponese quella vittoria a Montecarlo che manca da 22 anni, l’ultima la ottenne Sainz sulla Corolla nel 1998.

WRC, Rally Australia annullato: Hyundai campione

Anche perché sarebbe il quinto successo di Séb al “Monte” con una vettura diversa, visto che nella gara del Principato ha già trionfato nel 2009 con la Peugeot 207 S2000, poi con la VW Polo dal 2014 al 2016, sulla Ford Fiesta Wrc Plus nel 2017 e 2018, e quest’anno sulla Citroen C3 Wrc Plus. Insomma vuole migliorare subito questo record prestigioso che condivide con Walter Roehrl, un record eguagliato dopo ben 35 anni lo scorso gennaio dal driver di Gap. E Sébastien statene certi punterà dritto al suo 7° titolo piloti e diventerà quanto prima uno dei piloti preferiti da Akio Toyoda, come lo sono già Fernando Alonso e Nasser Al Attiyah, le altre due punte di diamante del Toyota Gazoo Racing Team. Insomma se son rose fioriranno quanto prima, parola di Ogier.