Ott Tänak (Hyundai i20 Wrc) ha chiuso in testa la prima tappa del Rally di Estonia precedendo il suo compagno di squadra Craig Breen di 11”7, Sébastien Ogier di 28”7 e Kalle Rovanpera (entrambi su Toyota Yaris) di 34”9. All’inizio è stato proprio Kalle Rovanpera a partire alla grande portandosi al comando dopo aver vinto la prima prova della mattina, ma poi a causa di una foratura nella il baby finlandese a dovuto cedere il passo lasciando la leadership a Tänak.

L’estone ne ha subito approfittato passando in testa sulle strade di casa vincendo al mattino due prove e poi una il pomeriggio portando a fine tappa a quasi dodici secondi il suo vantaggio su uno scatenato Craig Breen, davvero a suo agio su queste prove sulla Hyundai. Problemi invece per Thierry Neuville che quando era terzo ha staccato nella prima prova del pomeriggio, a Prangli, la sospensione posteriore destra e si è dovuto fermare.

Tutto sul WRC

Problemi per Ogier, solo 3°

Il leader del mondiale Sébastien Ogier è stato il migliore tra i piloti Toyota, pur essendo dovuto transitare al mattino per primo sulle speciali. Il francese ha vinto due prove e nell’ultima ha perso secondi preziosi perché aveva una gomma sulle tele. Più staccati dietro di lui seguono in positivo Rovanpera ed Evans, mentre i piloti di MSport Lappi e Suninen sono apparsi sotto tono.

Nel WRC 2 guida Ostberg (Citroen) mentre nel WRC 3 c'è invece Oliver Solberg al comando con l’estone Virves in testa allo Junior, dove il pilota di ACI Team Italia Marco Pollara è sesto davanti a Oldrati, mentre Andolfi si è fermato dopo la seconda speciale per un problema tecnico alla sua vettura.

Domani è in programma la seconda tappa che prevede 6 speciali per complessivi 84,96 km cronometrati, con la power stage di Kambja in programma alle ore 12.18.

Classifica generale del Rally di Estonia dopo 11 prove speciali:

1. Tänak in 1h 15’08”4

2. Breen+11.7

3. Ogier+28.7

4. Rovanperä+34.9

5. Evans+36.8

6. Katsuta+1.01.9

7. Lappi+1.41.7

8. Suninen+1.50.9

9. Loubet+2.15.2

10. Greensmith+3.03.1