E’ iniziata questa mattina con lo shakedown disputato ad Olmedo (3,79 km) l’edizione 2020 del Rally Italia Sardegna. I più veloci sono stati Ott Tanak (Hyundai i20 Wrc) e Elfyn Evans (Tyota Yaris Wrc) che hanno staccato il tempo di 2’13”6 precedendo di otto decimi Ogier (Toyota) e di 1”1 Sordo, con Loubet ottimo quinto a 1”3 davanti a Neuville staccato di 1”6.

Da segnalare che il crono di Olmedo si è rivelato molto difficile e impegnativo per i piloti, visto che sono usciti di strada ben tre top drivers, vale a dire Kalle Rovanpera (Toyota), Prokop (Ford Fiesta) e Oliver Solberg (Skoda Fabia), mentre il pilota di ACI Team Italia Fabio Andolfi ha accusato un problema all’idroguida che gli si è bloccata 200 metri dopo lo start.

Da segnalare che questa mattina la Pirelli ha presentato i suoi nuovi pneumatici con i quali equipaggerà nel 2021 anche le Wrc Plus, sono le mescole Scorpion (terra), P Zero (asfalto asciutto), Cinturato (asfalto bagnato) e Sottozero (neve e ghiaccio).

Domani parte la prima tappa che ha in programma 6 prove speciali, quelle ripetute due volte di Tempio e Tula ed inoltre un passaggio nel pomeriggio sui crono di Tergu e Castelsardo, per un totale di 95,25 km cronometrati.

La seconda tappa di sabato prevede altri 101,69 km cronometrati con le prove ripetute due volte di Monte Lerno e Coiluna a cui si aggiungeranno ancora nel pomeriggio i crono di Tergu e Castelsardo. Infine domenica 11 la classica tappa finale che sarà di 41,90 km cronometrati, con le speciali di Cala Flumini e la power stage dell’Argentiera ripetute due volte.

Alla fine si arriverà ad un totale complessivo di quasi 240 km cronometrati, con il parco assistenza a metà e fine giornata che sarà ospitato come accade dal 2014 al porto turistico di Alghero.