Ieri  a tarda sera dopo le 22 gli stewards hanno rimescolato le carte dell'ACI Rally Monza, infliggendo a Sordo e Lappi 10” di penalità per un taglio di chicane nell’ultima speciale “Grand Prix”. E così la seconda giornata di gara, quella decisiva, tutta ricavata sui crono della bergamasca, è iniziata questa mattina su strade sostanzialmente pulite per la pioggia caduta nella notte, con ben cinque piloti racchiusi in un fazzoletto di 7”7.

A Selvino l’asfalto è innevato e ghiacciato solo un piccolo tratto della discesa. E la giornata inizia subito nel segno di Ogier (Toyota) che marca lo scratch rifilando 5”6 a Sordo (Hyundai), 8”3 ad Evans (Toyota) e 10”1 a Tanak (Hyundai), passando di nuovo in testa alla gara.

Ma Sordo non ci sta e segna lo scratch a Gerosa, ed approfittando di una gestione prudente di Ogier, che perde dallo spagnolo 5”8 (quasi mezzo secondo al km), ripassa in testa alla corsa con 2”2 di vantaggio sul francese della Toyota. Poi a Costa Valle Imagna vince Evans che è mezzo secondo più veloce di Ogier, con Sordo che perde 9”4 e che restituisce così la leadership a Ogier.

Sébastien Ogier guida così di nuovo la gara dopo il giro del mattino con 6”7 su Sordo e 7”5 su Evans, con Tanak più staccato e quarto a 15”7, e Lappi quinto a 18”5. Nel Wrc 2 Ostberg è in testa davanti a Fourmaux  e Tidemand.

Nel pomeriggio dopo l'assistenza all'autodromo di Monza la gara riprenderà alle ore 13.33 con il crono più lungo del rally, quello di Selvino lungo 25,06 km, e poi proseguirà con quelli di Gerosa (11,09 km) e di Costa Valle Imagna di 22,17 km. La giornata terminerà poi con il secondo passaggio in serata in circuito sulla prova Grand Prix di 10,31 km alle ore 17.38.