Ogier ha chiuso in testa la seconda tappa del Rally di Monza, e vista l’uscita di strada di Evans ha ora nel suo mirino la vittoria ed il suo settimo titolo mondiale piloti. Se le cose finissero così sarebbe infatti lui il nuovo campione e la Hyundai lo sarebbe in quello costruttori. E’ successo un patatrac questo pomeriggio al Rally di Monza, quando è iniziato a nevicare si sono infatti susseguiti  colpi di scena.

A Selvino sulla neve sono infatti usciti di strada prima Greensmith e poi Veiby, che ha intraversato la sua Hyundai (fortemente danneggiata) ostruendo la carreggiata. La prova è stata così cancellata e nel crono seguente a Gerosa si è deciso tutto. E’ Ogier (Toyota) sotto una fitta nevicata il più veloce riconquistando così la testa della corsa, precedendo di 6”6 Tanak (Hyundai), con Rovanpera terzo a 12”6 e Sordo (Hyundai) quarto a 16”0. Ma è Evans il vero protagonista, uscendo di strada con la sua Yaris nella parte finale della prova e facendo la frittata. Game over per il gallese che per la sua sfortunata uscita deve abbandonare le sue speranze di diventare campione del mondo.

Vista la fitta nevicata il secondo passaggio a Costa Valle Imagna viene annullato, poi nella speciale “Grand Prix” di fine giornata il più veloce è Sordo che recupera 2”6 su Ogier chiudendo la tappa alle spalle del campione francese staccato di 17”8. Terzo è Tanak a 22”1, con Lappi quarto a 38”1 e Rovanpera in quinta posizione a un minuto.

Da segnalare la vittoria di Umberto Scandola nella speciale di Gerosa sulla Hyundai i20 R5, complimenti davvero, mentre nel Wrc 2 guida Ostberg che ha 30”9 su Tidemand, nel Wrc 3 è invece in testa Mikkelsen davanti a Solberg e Huttunen, con Kristensson primo nello Junior.

Domani la tappa finale prevede altri 40,25 km cronometrati ricavati su tre crono in circuito, con la Power Stage di 14,97 km in programma alle ore 12.18.

Classifica dell’ACI Rally Monza dopo la seconda tappa:

1. Ogier in 1.47’47”2
2. Sordo a 17”8
3. Tanak a 22”1
4. Lappi a 38”1
5. Rovanpera a 1’10”1
6. Mikkelsen a 3’20”6
7. Solberg a 3’34”9
8. Huttunen a 4’08”9

9. Ostberg a 4’39”0

10. Lindholm a 5’06”6