Con i test Pirelli andati in scena sulla pista di Abu Dhabi c’è stata subito una succosa anticipazione in vista del prossimo anno. Soprattutto in casa Ferrari con Charles Leclerc di rosso vestito e subito consistente con la SF71H.

Il monegasco ha coperto ben centotrentacinque giri, ovvero la distanza di due Gran Premi e mezzo A Yas Marina. Questo il carico di lavoro del nuovo ferrarista nell’ambito dei test Pirelli con una due giorni già in proiezione futura, per studiare le gomme dell’anno prossimo. «Naturalmente ero emozionato - ha raccontato il 21enne monegasco - perché guidare una Ferrari è un’emozione. Sono contento di questo e del lavoro fatto: abbiamo svolto tutto il nostro programma, concentrato sulle prove comparative di pneumatici di questa e della prossima stagione. Ma per me era importante anche conoscere meglio il team, pur se tante persone non erano del tutto nuove per me, vista la mia esperienza con la Ferrari Drivers Academy. Nelle prossime settimane cercherò di lavorare per essere al meglio della condizione e imparare da tutto il team e dal mio compagno di squadra. Non vedo l’ora che inizi la prossima stagione…».

Già, la prossima stagione. Bussa già quasi alle porte quella del Mondiale Rally che a gennaio riprenderà il suo cammino con il primo round iridato che come al solito andrà in scena a Montecarlo. Dove Sebastien Ogier vuol subito finire sotto ai riflettori con quella Citroen che ritrova dopo otto anni da un rumoroso addio e anche 6 titoli iridati conquistati nel frattempo con Volkswagen e Ford.

Per il fenomeno di Gap nella scorsa settimana c’è stata la prima presa di contatto con la C3 Wrc Plus che ha provato in Portogallo e in chiave 2019 la sensazione è che ne vedremo delle belle. E grande spettacolo si annuncia anche nella stagione 5 di Formula E che sta per iniziare, con il primo appuntamento previsto a metà dicembre in Arabia Saudita.

Sul prossimo numero di Autosprint avremo un’ampia presentazione di un campionato che renderà elettrizzante il nostro inverno da corsa.