Polemiche da televoto, o quel che più si avvicina al concetto. E' un Daniel Abt che lancia accuse precise sul funzionamento distorto del Fan Boost, l'idea che ha accompagnato la Formula E sin dall'esordio, grazie alla quale i tifosi possono interagire tramite applicazione o sui social, votare il proprio pilota preferito e offrirgli un piccolo vantaggio, sotto forma di una spinta supplementare dal powertrain elettrico, 10 kilojoule per 5” da sfruttare per un sorpasso, ad esempio.

Il pilota di Audi Sport, costretto al ritiro nell'ultimo ePrix di Santiago del Cile, colpito dalla Mahindra di Nick Heidfeld al primo giro, si rivolge ai tifosi, nel consueto video sul proprio canale Youtube e commenta: «So che fate di tutto per votarmi, e io faccio di tutto per coinvolgervi, ma ci sono alcuni piloti che riescono a barare. Non lo dico perché sono uno che non sa perdere, lo dico perché lo so, qualcuno me l'ha detto e c'è senza alcun dubbio qualcosa di sbagliato».

Per l'assegnazione del Fan Boost si può votare in un lasso di tempo che va da sei giorni prima dello svolgimento dell'ePrix, fino a sei minuti dopo l'inizio della gara: i tre piloti che collezionano più voti in questo arco temporale ottengono il vantaggio dei 10 kJ.

E' sull'improvviso capovolgimento dei risultati, che Abt punta il dito, nonché sulla provenienza di un'insolita mole di voti da un'area geografica: «Eravamo in testa per tutto il tempo, ma all'improvviso alcuni piloti ottengono tanti voti durante la notte. E' strano che tutti i voti arrivino da 12 città in Cina, devono avere un'incredibile base di tifosi laggiù.

La Formula E è al corrente di tutto ciò ma non possono far nulla perché non possono provarlo in modo adeguato. E' una catastrofe, sono davvero arrabbiato. Mi sento imbrogliato, so che riusciremmo a vincere questa cosa ogni volta se fosse leale. Io sto lottando per un equo trattamento». Nonostante elevati standard di sicurezza, garantiti da una società esterna, incaricata di monitorare la correttezza delle operazioni di voto, si verificherebbero delle anomalie.

Le statistiche delle quattro gare corse finora indicano i seguenti risultati: a Hong Kong, il 28% dei voti è andato a Kobayashi (Andretti), il 12% a Abt (Audi Sport), l'11% a Filippi (Nio); il secondo round a Hong Kong ha confermato Kobayashi (20%), Filippi (18%) e Abt (11%). A Marrakesh, Buemi (Renault) è risultato il più votato con il 18%, Di Grassi (Audi) al 17% e Abt al 16%. Infine, a Santiago, 23% delle preferenze per Di Grassi, 21% per Buemi e 18% per Lopez (Dragon), con Abt quinto al 9%, dietro a Rosenqvist (Mahindra, 17%).

La Formula E, nel regolamento del Fan Boost, fissa il limite di voto validamente calcolato in 1 al giorno per ciascun metodo possibile (Facebook, Twitter, app, sito).