Da Hong Kong a Sanya, secondo appuntamento cinese per un mondiale di Formula E più che mai equilibrato nella classifica Piloti. Il giro di boa si avvicina e, tra colpi di scena e alternanza nelle prestazioni nei primi 5 ePrix stagionali, al sabato della new entry in calendario si va con 5 piloti racchiusi in 7 punti.

Bird in testa, Da Costa quinto. In mezzo, D’Ambrosio, Di Grassi e Mortara, con il pilota Audi Sport e quello Venturi ad appena 2 lunghezze dal leader di campionato.

Pista inedita, tracciata sulle vie della località turistica, in terra cinese continentale, come già in passato fu Pechino. Undici curve e 2.236 metri sui quali Audi cerca il sorpasso nel mondiale Piloti e il passaggio del testimone in quello Costruttori, dove è il team cliente Virgin Racing ad aver massimizzato il rendimento nelle prime gare.

“Daniel e io siamo adesso in lotta per ottenere trofei e vittorie, questo è il risultato del duro lavoro di tutto il team ed è ciò che caratterizza la nostra squadra: mostriamo la vera forza in condizioni difficili e sotto pressione, racconta Di Grassi. La vittoria in Messico, il podio a Hong Kong, un bottino che avrebbe potuto offrire tanto in più, senza le vicende regolamentari vissute nella qualifica in Marocco.

Siamo saliti sul podio tre volte di seguito e daremo tutto per continuare la striscia positiva a Sanya. Quest’anno il campionato è una lotta più serrata che mai”, aggiunge Di Grassi.

Battaglia a più voci, dove lo scorso anno fu una rincorsa a Techeetah. Oggi, Audi Sport in condizioni decisamente migliori, in una contesa che ancora registra 5 piloti con il potenziale giusto per ambire al titolo e quattro diversi powertrain.

“E’ positivo ovviamente essere in lizza in entrambi i campionati. La posizione che conta davvero, però, è solo quella dopo l’ultima gara, pertanto siamo concentrati esclusivamente sulla prossima.

Sanya è un circuito nuovo per tutti, una preparazione adeguata è ancor più importante”, commenta Allan McNish.

Pista caratterizzata da due allunghi spezzati da un tornante, tre in totale, un settore conclusivo un po’ più guidato. Presa di contatto già avvenuta al simulatore per i team, con i riscontri della realtà, la tipologia d’asfalto, da scoprire in prova libera.

Sabato, il programma dell’ePrix vedrà la qualifica corrersi alle 4:20 ora italiana, con la gara che scatterà alle 8:05. Diretta televisiva su Italia 1 ed Eurosport.