Un qualifica ricca di sorprese, quella andata in scena a Berna. L’ePrix scatterà alle 18:00 e vedrà in prima fila Jean Eric Vergne e Mitch Evans. Il neozelandese di Jaguar brilla nella fase a gruppi, gira in 1’18”897, più rapido di tutti e, dal secondo gruppo, accede alla Superpole davanti all’1’19”232 di Vergne.

Male Lucas Di Grassi. Attardato nel Gruppo 1, con 1’20”034 contro l’1’19”232 di Vergne, il pilota brasiliano di Audi partirà 19°, davanti ad Antonio Felix Da Costa.

Può essere una gara decisiva per le sorti del campionato, visto il “testa-coda” Vergne-Di Grassi, separati attualmente da 6 punti nella classifica Piloti. Vergne mette in tasca i 3 punti della pole, prezioso bottino in una partita equilibrata sul punteggio.

Si salva André Lotterer, terzo pilota realisticamente in partita per il campionato. Partirà ottavo, anche lui con una qualifica non esaltante nella fase a gruppi.

LE SORPRESE DELLA FASE A GRUPPI

Oltre a Mitch Evans, gran prestazione per Seb Buemi, che gioca in casa, e Daniel Abt – tutti nel Gruppo 2 –, come di Pascal Wehrlein e Sam Bird, dal Gruppo 3 a trovare l'accesso alla Superpole. Exploit di Geox Racing con Maximilian Guenther, bravo a girare in 1’19”325 e prendersi un posto tra i primi 5.

La griglia di partenza dell'ePrix di Berna

VERGNE SCAVA UN SOLCO

La Superpole è una contesa sul filo dei millesimi. Rispetto al tempo della qualifica, migliorano Buemi, Wehrlein e Vergne. JEV addirittura di 4 decimi, scende a 1’18”813 che vale la partenza in pole.

Anche avesse replicato il tempo della qualifica 1, Evans sarebbe scattato dalla seconda posizione. Che conferma con un 1’19”120. Buemi è terzo, 4 millesimi più veloce di Wehrlein, poi a seguire Guenther e Bird.